Venerdì e domenica doppio appuntamento con la cembalista Paola Erdas.

Venerdì e domenica, alle 20:30 nella chiesa di Santa Maria del Monte, l’eclettica musicista Paola Erdas si esibirà per la rassegna dedicata alla musica antica ‘Echi lontani’ in un concerto solista. Qui qui, la cembalista cagliaritana proporrà i brani del suo ultimo album ‘Antonio Valente, Cieco Napolitano‘, che raccoglie le musiche del musicista e compositore, napoletano d’adozione, “celebre ai suoi tempi e stimato nel corso dei secoli –si legge nelle note di sala – ma ai giorni nostri ingiustamente trascurato. Un autore fatto di contrasti, le cui musiche passano da una scrittura coltissima e raffinata all’impianto più pop, il tutto condito con sapiente piacevolezza”. Il programma della serata sarà arricchito da composizioni di autori coevi di area ispanica. domenica sarà accompagnata dall’ensemble formato anche da André Lislevand e Jadran Duncumb.

LEGGI ANCHE:  Live club e concerti. 10 milioni per gli organizzatori.

Domenica 14 novembre alle 20,30, Paola Erdas sarà accompagnata da André Lislevand (viola da gamba) e Jadran Duncumb (tiorba) per presentare il concerto Forqueray Unchained, stile ambiguo alla corte del Re Sole.

Paola Erdas
Paola Erdas

Paola Erdas è cembalista dai molteplici interessi e dal repertorio ampio e poco convenzionale. Inizia gli studi con D. Petech e prosegue con K. Gilbert al Mozarteum di Salisburgo. Attiva anche nel campo della ricerca musicologica, pubblica per la Ut Orpheus di Bologna. I suoi sei CD solistici hanno ricevuto ampi consensi dalla critica internazionale e sono stati per la maggior parte registrati su preziosi strumenti storici. Molte le collaborazioni di Paola, interessata a spaziare tra i vari repertori e generi musicali e artistici in generale: col liutista Rolf Lislevand; col tablista Shyamal Maitra, con il giovane astro nascente della viola da gamba André Lislevand. Con “Su Cantu in sas Laras”, spettacolo creato da Sergio Ladu incentrato sulla musica sarda, Paola si produce in veste di attrice e autrice di testi oltre che musicista. Con Claudia Caffagni esplora il repertorio medievale creando uno spettacolo sulla scrittrice Cristina da Pizzano e uno su Giovanna d’Arco. Con Daša Grgič è il progetto DIHrespiro sulla corporeità della musica e sul respiro della danza. Ultima amatissima collaborazione è quella con il jazzista Gavino Murgia con il quale ha realizzato un progetto intorno al repertorio medievale e al jazz intitolato Il Vento tra le Corde. Paola è cofondatore assieme ad Andrea Lausi del Festival Internazionale di Musica Antica Wunderkammer di Trieste di cui è attualmente il Presidente. È professore di Clavicembalo al Conservatorio di Trieste.

LEGGI ANCHE:  "Il sogno in un segno". L'autobiografia di un viaggio nell'altro continente.