Vendita vaccini Covid-19. I NAS oscurano 2 siti.

Dopo aver già oscurato circa 132 siti dall’inizio dell’emergenza sanitaria, i Carabinieri dei NAS hanno dato esecuzione a 2 provvedimenti d’inibizione all’accesso nei confronti di due siti web collocati su server esteri e con riferimenti di gestori non individuabili, sui quali erano illegalmente pubblicizzati e offerti in vendita vaccini per il Covid-19 e per l’influenza, soggetti a obbligo di prescrizione e vendibili solo in farmacia da parte di farmacista abilitato.

L’esame del primo sito, strutturato apparentemente in modo simile a una piattaforma di e-commerce, in cui venivano promosse e pubblicizzate svariate tipologie di beni prodotti e/o distribuiti da terzi, tra cui anche molti afferenti al settore sanitario, favorendo dunque l’incontro tra domanda e offerta, ha consentito ai Carabinieri del NAS di rilevare che nella “vetrina virtuale”, tramite apposita sezione dedicata al “SarsCov-2”, erano presentati 3 asseriti vaccini per il Covid-19 potenzialmente acquistabili anche da utenti connessi dal territorio nazionale.

LEGGI ANCHE:  Cagliari. Il gruppo Costim partner del nuovo stadio.

L’analisi del secondo sito web, anch’esso liberamente raggiungibile, ha permesso ai Carabinieri di evidenziare la presenza di 2 vaccini antinfluenzali per i quali l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emesso, nello scorso mese di ottobre 2020, un “Medical product alert” relativo a possibili partite contraffatte in area centroamericana. Il contingente avvio delle profilassi vaccinali, rende necessario rinnovare, ancora una volta, l’invito ad attenersi solo alle indicazioni fornite dagli Organi ufficialmente preposti, consultando i relativi siti istituzionali, in merito alla presenza di offerte sul web di farmaci non autorizzati o di dubbia provenienza.

Come ricorda il Comando de NAS, la vendita e l’acquisto di “medicinali con obbligo di prescrizione” attraverso internet, oltre ad essere vietati dalla normativa italiana, sono soprattutto estremamente pericolosi per la salute, non essendovi affatto contezza né della reale composizione degli stessi, né delle corrette modalità di produzione e conservazione, né degli effetti e delle reazioni che la loro assunzione può cagionare.

LEGGI ANCHE:  Emergenza Covid, NAS: altri 102 siti web oscurati.

L’offerta di vendita e la pubblicità dei “medicinali senza obbligo di prescrizione” (SOP/OTC) possono essere effettuati on line solo attraverso i siti di farmacie ed esercizi espressamente autorizzati secondo quanto previsto dal decreto legislativo 24 aprile 2006 n. 219, il cui elenco è consultabile sul sito del Ministero della Salute, riconoscibili attraverso il previsto Logo Identificativo Nazionale che deve essere chiaramente visibile su ciascuna pagina del sito web dedicata ai medicinali.