Leu Sardegna: “Attivare immediatamente un piano di screening di massa nei nove comuni del Goceano”.

Questa mattina i Consiglieri regionali del gruppo Liberi e Uguali Sardigna hanno presentato una interrogazione per richiamare il presidente della Regione e l’assessore regionale dell’Igiene e Sanità e dell’assistenza sociale, verso l’attivazione di un piano di screening di massa nei nove comuni del Goceano, al fine di tutelare la salute della popolazione con l’individuazione dei soggetti positivi al Covid-19 e con la conseguente attivazione delle misure di quarantena dei contagiati e dei loro contatti.

“Nel territorio del comune di Bono e del Goceano – per il consigliere Daniele Cocco – si registra un’alta percentuale di positivi (solo il comune di Bono ha 300 positivi) che mette in evidenza le carenze nella gestione delle misure di prevenzione e contenimento dei contagi da parte dell’ATS Sardegna oltre che alle difficoltà nell’individuazione dei nuovi positivi, o dei positivi asintomatici, attraverso un’efficiente ed efficace programma di screening anti-Covid”.

LEGGI ANCHE:  Bitti, l'assessore Lampis chiede maggiori risorse al Governo.

Criticità alle quali si sommerebbe l’assenza di condivisione delle informazioni verso gli amministratori del territorio: “Risultano inoltre carenti le indispensabili comunicazioni ai Comuni sul numero dei cittadini positivi e sull’individuazione dei nuovi focolai al fine di consentire ai Sindaci di attuare tutte le procedure idonee per poter mettere in sicurezza sanitaria i propri concittadini”.

foto Sardegnagol riproduzione riservata