Vaccini over16, 70mila prenotazioni in due ore.

La Sardegna amplia la platea dei cittadini chiamati alla vaccinazione e compie lo scatto aprendo la campagna alla fascia d’età dai 16 ai 39 anni. Dalle 18 di oggi, quindi, prenotazioni possibili per tutti i nati dal 1982 al 2004. Orario posticipato, rispetto a quello già in programma delle 12, per massimizzare ulteriormente la disponibilità delle agende degli hub e dei centri vaccinali dell’Isola.  Nelle prime due ore sulla piattaforma di Poste Italiane sono state 70mila le prenotazioni riconducibili alla fascia 16-39 anni, di cui 29mila nella fascia 30-39, 28mila in quella 20-29 e 13mila nella 16-19. Arrivano dunque a 558mila le prenotazioni complessive registrate sulla piattaforma di Poste Italiane dalla sua attivazione nell’Isola.

LEGGI ANCHE:  Vaccini, da lunedì le prenotazioni per i nati tra il 2003 e il 2009.

“Registriamo un primo importante segnale. In questi numeri c’è la volontà dei cittadini che appartengono alle fasce più giovani della popolazione di essere protagonisti del ritorno a una nuova normalità”, dichiara il Presidente della Regione, Christian Solinas. “Non dobbiamo dimenticare – prosegue il Presidente – il peso che la pandemia ha avuto in particolare sui nostri ragazzi, il forte impatto sociale a causa dei periodi di isolamento e le difficoltà legate alla scuola, con la didattica a distanza. Oggi tutta la Sardegna vuole ripartire con loro e superare l’emergenza. La vaccinazione è un’opportunità per tutti e rappresenta la nostra arma più potente contro il virus. Non è solo uno modo per proteggere noi stessi, ma è soprattutto un gesto di altruismo e solidarietà verso gli altri”.

LEGGI ANCHE:  Le nuove Ordinanze del Presidente Solinas: disposizioni vigenti prorogate al 15 giugno e cessazione delle limitazioni per i proprietari delle seconde case nell'Isola.

La Sardegna viaggia verso il milione di dosi somministrate: sono infatti oltre 955mila le dosi di vaccino complessivamente inoculate in Sardegna, dove, nella giornata di oggi, sono state consegnate 40.500 dosi di Vaxzevria e 9.300 del siero Janssen. Oltre 16mila le somministrazioni nella giornata di ieri. Circa il 42% della popolazione ha ricevuto almeno la prima dose. Positivo il quadro epidemiologico dove l’RT regionale si assesta allo 0,55 e l’incidenza dei casi settimanali, secondo l’ultimo report dell’Istituto Superiore di Sanità, è di 12,33 casi per 100mila abitanti.

“L’impatto delle vaccinazioni sulla curva pandemica inizia a essere evidente – sottolinea l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu – qualora le scorte dovessero essere adeguate, così come assicurato dal Commissario per l’emergenza, non avremo problemi ad accelerare ulteriormente. L’intero sistema risponde adeguatamente grazie a un’organizzazione efficiente e al grande sforzo degli operatori in prima linea. Abbiamo ottenuto grandi risultati nella lotta al virus e ora serve il massimo impegno per mantenerli. La vera ripartenza, per le nostre vite e la nostra economia, dipende da ciascuno di noi. Oggi possiamo veramente guardare al futuro con ottimismo”. 

LEGGI ANCHE:  Epatite C, ancora poca conoscenza e un grande sommerso.