Ucraina, presidenti commissioni Esteri e Camere dei deputati: “Esigenza di un nuovo “’patto per la sicurezza europea’ “.

Nell’ambito delle consultazioni che la diplomazia parlamentare sta svolgendo per contribuire a una soluzione politica della crisi russo-ucraina, si sono incontrati questa mattina il Presidente della Commissione Esteri, Piero Fassino e la sua omologa della Camera dei Deputati della Romania, Rozalia Ibolya Biro.

Avendo condiviso l’analisi sulla gravità della crisi in Ucraina, i due Presidenti hanno convenuto sulla necessità di compiere ogni sforzo per scongiurare il ricorso alle armi e ricercare una soluzione negoziata e condivisa che garantisca la sovranità e l’integrità territoriale dell’Ucraina. Spetta alla Russia compiere il primo passo riducendo la pressione militare ai confini dell’Ucraina.

“Questa crisi – hanno sottolineati i Presidenti –richiama l’esigenza di un nuovo ‘patto per la sicurezza europea’, una Helsinki 2, funzionale alla prevenzione dei conflitti e alla risoluzione delle controversie nel contesto geopolitico e geostrategico di oggi, del tutto mutato rispetto al 1975. Un nuovo patto è peraltro necessario anche per dare stabilità al Mediterraneo oggi investito da crisi e conflitti in molti Paesi”.

LEGGI ANCHE:  NextGenerationEU: nuove norme per garantire una comunicazione trasparente delle riforme e degli investimenti.

Nel corso dei colloqui è stata anche sottolineata la preoccupazione per i tempi lunghi del processo di allargamento della Ue ai Balcani Occidentali per i quali è urgente un’accelerazione dei negoziati con Serbia e Montenegro e l’avvio degli stessi con Nord Macedonia e Albania.

I due Presidenti hanno infine convenuto di avviare un “partenariato strutturato” tra le due Commissioni che avranno il primo incontro a ranghi completi nel prossimo mese di marzo.  La cooperazione si realizzerà anche a livello delle omologhe sottocommissioni in materia di Agenda 2030 e diritti umani.