Trasferta al Tardini: i convocati dai tecnici Ranieri e Pecchia.

Sale l’attesa per la sfida di ritorno dei play off di Serie B tra il Parma di Fabio Pecchia e i rossoblù del tecnico Claudio Ranieri. Andata conclusasi alla Unipol Domus con il risultato di 3-2 per i sardi.

Per quella che si preannuncia essere una vera e propria bolgia al Tardini, Claudio Ranieri avrà a disposizione 24 giocatori. Rispetto all’andata non ci sono novità con i soli Falco e Capradossi fuori dai giochi.

I convocati: Radunovic, Aresti, Ciocci; Goldaniga, Dossena, Altare, Barreca, Zappa, Obert, Azzi, Di Pardo; Mancosu, Rog, Nandez, Viola, Deiola, Lella, Makoumbou, Kourfalidis; Lapadula, Millico, Prelec, Pavoletti e Luvumbo.

Poche novità anche dalle parti dei padroni di casa. Dopo la rifinitura al Mutti Training Center di Collecchio, l’allenatore Fabio Pecchia ha convocato per la partita contro il Cagliari 25 giocatori: i portieri Chichizola, Corvi e Santurro; i difensori Balogh, Circati, Cobbaut, Coulibaly, Delprato, Osorio, Zagaritis; a centrocampo Bernabé, Camara, Estévez, Hainaut, Juric, Sohm; in attacco Benedyczak, Bonny, Charpentier, Inglese, Man, Mihaila, Sits, Vazquez e Zanimacchia.

LEGGI ANCHE:  Chinanu Onuaku firma con la Dinamo.

Il pubblico, come ricordato da mister Pecchia, sarà determinante: “Dodici mesi fa avevo detto che avevamo bisogno tutti insieme per arrivare in fondo. Non parlo solo della squadra, ma di tutta una città in festa, di uno stadio pieno, di chi ci sarà fisicamente, chi non ci sarà per altri motivi, tutti mentalmente dentro, perché abbiamo bisogno di una spinta che veramente deve andare oltre. Cento minuti da giocare tutti d’un fiato, noi dobbiamo fare il nostro in campo, sono sicuro che i nostri tifosi faranno altrettanto fuori e sugli spalti. Abbiamo bisogno di un clima straordinario – ha proseguito Pecchia – di un clima di empatia totale per andarci a giocare una partita che ci può portare a giocarci una parte della storia di un Club“.

LEGGI ANCHE:  Vela, Luna Rossa: è l'ora dei giovani.

foto Verdi85 commons Wikipedia