Servizio Civile: a Roma il festival nazionale.

La Conferenza Nazionale degli Enti del Servizio Civile, in occasione del 50esimo anniversario del riconoscimento in Italia dell’obiezione di coscienza, ha indetto il festival nazionale del servizio civile, in programma a Roma nei giorni 9-10 settembre nella location del Giardino Verano.

“50 anni fa veniva riconosciuta in Italia l’obiezione di coscienza al servizio militare quale atto fondativo dell’Istituto repubblicano del Servizio Civile. Un lungo cammino che in età repubblicana è iniziato con Pietro Pinna, a partire dalla sua scelta nonviolenta del 1948, che – ricordano dalla Cnesc – ha dato il via alla lotta per il riconoscimento giuridico dell’obiezione di coscienza culminata con la legge 772 del 1972 che istitutiva appunto il servizio civile sostitutivo”.

LEGGI ANCHE:  Nuovo anno scolastico. Il messaggio della Garante per l'infanzia e l'adolescenza: “In un momento così complesso la parola d’ordine è corresponsabilità”.

Saranno due giorni di festa, fanno sapere i promotori, che vedranno protagonisti i giovani, gli operatori degli enti di Servizio Civile, gli operatori volontari in servizio, insieme a personaggi della cultura, dello spettacolo e agli “obiettori” e ai “civilisti” degli ultimi cinquant`anni.

L`apertura dell’evento, venerdì 9 settembre dalle ore 18, sarà affidata all`ex calciatore della Nazionale e della Roma, obiettore di coscienza e neo-sindaco di Verona, Damiano Tommasi, insieme al già sindaco di Messina il pacifista Renato Accorinti.

“Il Festival 50 anni di obiezione per la pace – dichiara la presidente della CNESC Laura Milani – sarà uno dei momenti culminanti di questo percorso con il quale, a partire dalle radici dell`obiezione di coscienza, vogliamo ribadire e allargare il nostro impegno per un Servizio Civile davvero universale e volontario, capace di costruire una pace giusta e rispondere alle sfide che le giovani generazioni si trovano davanti”.

LEGGI ANCHE:  Youth for Love, il web game contro il bullismo e la violenza tra adolescenti.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata