Sentenza della Corte di giustizia sul regolamento di condizionalità, von der Leyen: “Strumento contro le violazioni dei principi dello Stato di diritto”.

A seguito di due decisioni, la Corte di giustizia dell’Unione europea ha validato il regolamento sulla condizionalità dello Stato di diritto. Conferma che per la Presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, legittima il principale strumento a contrasto della violazione dei principi dello Stato di diritto nell’UE: “Accolgo con favore queste sentenze, che seguono la posizione difesa dalla Commissione, dal Parlamento europeo, dal Consiglio e da dieci Stati membri nell’ambito della procedura”.

Un meccanismo capace di garantire che il bilancio dell’Unione sia protetto ed eseguito conformemente ai principi della sana gestione finanziaria, nell’interesse di tutti i cittadini europei: “La Commissione – prosegue von der Leyen – analizzerà la motivazione delle sentenze e la loro eventuale incidenza sulle misure che prenderemo a norma del regolamento. Tenendo conto di tali sentenze, nelle prossime settimane adotteremo orientamenti che chiariscano ulteriormente le modalità di applicazione pratica del meccanismo”.

LEGGI ANCHE:  Stato di diritto: Il PE citerà in giudizio la Commissione per inadempienza.

foto © Portuguese Presidenct of the Council of the European Union 2021 – Gonçalo Delgado