Lotta al traffico illecito di armi, l’Ucraina crea una nuova piattaforma con l’OSCE.

Oggi, oltre 100 rappresentanti delle autorità statali ucraine e organizzazioni internazionali si sono incontrati per l’avvio della nuova piattaforma di coordinamento per la prevenzione e contrasto al traffico illecito di armi, munizioni ed esplosivi in Ucraina. Iniziativa, sostenuta dal Coordinatore dei progetti dell’OSCE in Ucraina, come ricordato da Henrik Villadsen, Coordinatore dei progetti OSCE in Ucraina: “Miriamo a sostenere il governo ucraino e le sue agenzie per discutere le migliori pratiche ed elaborare un approccio strategico congiunto per affrontare la questione del traffico illecito in Ucraina”.

“L’Ucraina – ha affermato Serhii Honcharov, viceministro degli Affari interni ucraino – ha più che mai bisogno di rafforzare la sua risposta al traffico illecito armi. L’adozione della legge sulle armi, il coordinamento e la cooperazione di tutte le parti interessate, nonché la mobilitazione di conoscenze internazionali avanzate sono le priorità nella lotta e nella prevenzione del traffico illecito in Ucraina”.

LEGGI ANCHE:  Profughi ucraini, Christian Solinas: "Trovata accoglienza per 98 minori".

Le discussioni si sono concentrate, inoltre, sul quadro giuridico e normativo dell’Ucraina, sul rispetto degli impegni internazionali e sull’identificazione delle esigenze del Paese per contrastare al meglio il traffico illecito in linea con le migliori buone pratiche internazionali.

foto OSCE/Serhii Korovainyi