laboratorio cyberbullismo SlegaliSi è concluso il percorso laboratoriale sul cyberbullismo realizzato dall'Associazione ABìCì nel Liceo linguistico Eleonora d'Arborea di Cagliari, nell'ambito del programma Slegali della Regione Sardegna, finalizzato a promuovere la cultura della legalità tra i giovani. Ben 160 ragazzi delle prime superiori sono stati coinvolti nelle attività, coordinate dal corpo degli insegnanti del liceo cagliaritano e dal responsabile del laboratorio Alessandro Zucca, giornalista iscritto all’Ordine Nazionale dei Giornalisti della Sardegna, esperto in comunicazione e collaboratore de “l’Unione Sarda”.

Attività frontali, gruppi di lavoro, interventi degli studenti/esse e degli esperti in materia, hanno permesso di facilitare la comprensione delle principali insidie del web (sexting, truffe e cyberbullismo) e creare uno spirito di coesione e solidarietà tra i ragazzi dell'istituto, attraverso una serie di giochi relazionali e lavori di gruppo.

Il laboratorio ha supportato, inoltre, la divulgazione di un vademecum per la segnalazione dei casi di bullismo in ambito scolastico ed extrascolastico e una riflessione sulla netiquette per formare i partecipanti verso un corretto utilizzo dei social network.

"E' importante - secondo il rappresentante legale di ABìCì Gabriele Frongia - prevenire e formare i ragazzi/e della nostra comunità locale su questi temi, sia per la loro rilevanza ma principalmente per la novità del fenomeno nel nostro sistema legislativo. Basti pensare che la prima legge in materia risale al 2017 con le 'Disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione ed il contrasto del fenomeno del cyberbullismo'. Riteniamo che l'utilizzo improprio delle nuove tecnologie nelle relazioni tra studenti/esse possa avere riflessi negativi non solo sull'affettività dei giovani ma soprattutto sul senso civico dei cittadini di domani".