I siti archeologici quasi nascosti di Cagliari: se ne parla a Karales.

Quinto e ultimo appuntamento, giovedì mattina (9 maggio) al liceo “Siotto Pintor” di Cagliari, con il ciclo di conferenze di “Archeologia ritrovata e i giovani” promosso dal GAK – Gruppo Archeologico Karalitano per gli studenti dell’istituto classico in viale Trento. Nell’aula magna “Sergio Atzeni”, a partire dalle 11, l’archeologa Donatella Mureddu e l’antropologa Rosalba Floris parleranno di tre siti archeologici quasi nascosti nel tessuto urbano del capoluogo sardo, e del loro rapporto con la città antica e con le persone che la abitavano, vi lavoravano e vi trovavano sepoltura: l’area monumentale sotto la chiesa di Sant’Eulalia, e gli spazi funerari all’estremità del vico III Lanusei e sotto l’ex albergo La Scala di Ferro.

LEGGI ANCHE:  “Capitale italiana della cultura” 2026: ecco il nuovo bando.