RadUni, compie 18 anni.

RadUni compie 18 anni: un traguardo importante per l’associazione degli operatori radiofonici universitari italiani. Costituitasi il 26 marzo 2006, diciotto fa, a Firenze promuove la passione per la radio.

RadUni, l’associazione che riunisce le radio universitarie italiane, taglia un traguardo importante. Nata nel 2006, RadUni ha contribuito a far crescere e diffondere il movimento delle radio universitarie in tutto il paese, ispirandosi al modello delle college radio americane e anglosassoni.

Ad oggi, RadUni conta un network di oltre 35 radio universitarie, animate da più di 400 ragazzi e ragazze con la passione per la comunicazione. Un fermento di voci e idee che si traduce in una programmazione ricca e variegata, che spazia dalla musica all’informazione, dalla cultura all’intrattenimento.

LEGGI ANCHE:  Incentivare i giovani alla terra ma sono 1,3 milioni le posizioni a basa retribuzione.

Le radio universitarie rappresentano un ponte importante tra l’università e la società. Attraverso la loro attività, offrono agli studenti l’opportunità di mettere in pratica le proprie passioni e competenze, di confrontarsi con il mondo del lavoro e di contribuire al dibattito pubblico.

In un contesto mediatico in continua evoluzione, RadUni guarda al futuro con entusiasmo e consapevolezza delle sfide che la attendono. L’associazione continuerà a impegnarsi per promuovere la radio universitaria come strumento di formazione, espressione e partecipazione, valorizzando il talento e la creatività dei giovani.