Pnrr, D’Elia: “Per Governo giovani e donne non sono priorità”.

Le numerose deroghe stanno portando ad aggirare la clausola a sostegno dell’occupazione giovanile e femminile prevista dal Pnrr. Un tema sul quale la senatrice Cecilia D’Elia ha proposto un emendamento mirato a chiedere una valutazione di impatto ex ante ed ex post sui singoli interventi per i giovani e le donne. Provvedimento, come ricordato dall’esponente del Partito Democratico, bocciato dalla maggioranza: “Evidentemente, l’obiettivo non è priorità per il Governo Meloni: il tasso di occupazione delle donne, relativo al 2020, è fermo al 49% e il divari con gli uomini è salito al 19,3, con punte del 32,2% al Sud. Così facendo l’opportunità irripetibile del Pnrr invece di ridurre e contrastare i divari di genere e generazione rischia di acuirli. Al governo diciamo che è un errore enorme, perchè più occupazione femminile significa aumentare il benessere dell’intero Paese, oltre a rendere più forti e autonome le donne”.

LEGGI ANCHE:  Divario scuola-lavoro, siglato l'accordo CNEL-Ministero.