Persone sotto protezione temporanea: sono 4,3 milioni in Ue.

Al 31 gennaio 2024, 4,3 milioni di cittadini di Paesi terzi , fuggiti dall’Ucraina a seguito dell’invasione russa del 24 febbraio 2022, godevano dello status di protezione temporanea nell’UE.

I principali Paesi dell’UE che ospitano beneficiari di protezione temporanea dall’Ucraina sono stati la Germania (1.270.150 persone; 29,5% del totale dell’UE), Polonia (951.560; 22,1%) e Repubblica ceca (381.190; 8,9%). Rispetto alla fine di dicembre 2023, i maggiori aumenti assoluti del numero di beneficiari sono stati osservati in Germania (+18.905; +1,5%), Repubblica Ceca (+8.155; +2,2%) e Spagna (+2.830; + 1,5%).

Il numero dei beneficiari è diminuito in 5 Paesi dell’UE, vale a dire Italia (-18.125 persone; -11,2%), Polonia (-3.235; -0,3%), Estonia (-225; -0,6%), Francia (-205; – 0,3%) e Lussemburgo (-10; -0,2%).

LEGGI ANCHE:  Bilancio dell'UE: Il Consiglio dà il via libera per il 2024.

I dati presentati in questo articolo si riferiscono all’attribuzione dello status di protezione temporanea sulla base della decisione di esecuzione 2022/382 del Consiglio del 4 marzo 2022 , che stabilisce l’esistenza di un afflusso massiccio di sfollati dall’Ucraina a causa della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, e avendo l’effetto dell’introduzione della protezione temporanea.

Il 28 settembre 2023 il Consiglio europeo ha deciso di prorogare la protezione temporanea per le persone in fuga dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina dal 4 marzo 2024 al 4 marzo 2025.

Rispetto alla popolazione di ciascun Paese dell’UE, per l’Eurostat, il numero più elevato di beneficiari totali di protezione temporanea per mille persone alla fine di gennaio 2024 è stato osservato in Repubblica Ceca (35,2), Bulgaria (26,7), Lituania (26,4), Estonia (26,2) e Polonia (25,9), mentre il dato corrispondente a livello UE era di 9,6 ogni mille persone.

LEGGI ANCHE:  Commissione Ue. 118 milioni di euro all’Autorità Palestinese.

Al 31 gennaio 2024 i cittadini ucraini rappresentavano oltre il 98% dei beneficiari di protezione temporanea. Le donne adulte costituivano quasi la metà (46,1%) dei beneficiari di protezione temporanea nell’UE. I bambini rappresentavano quasi un terzo (33,2%), mentre gli uomini adulti costituivano poco più di un quinto (20,7%) del totale.