Oristano: nello Spazio giovani di Sa Rodia apre lo Skatepark comunale.

Da lunedì lo skatepark di Oristano sarà a disposizione dei giovani e l’apertura sarà garantita dal personale dello Spazio Giovani in attesa che il Consiglio comunale approvi il regolamento con il dettaglio delle modalità di utilizzo della struttura.

Lo Skate Park sorge nell’area recintata del Centro Giovani, in uno spazio all’aperto su una superficie a forma di “L” di 300 metri quadrati, realizzata dalla ditta AG costruzioni di Pinerolo che ha vinto una gara d’appalto da 64 mila euro.

Skatepark Oristano
Skatepark Oristano

Questa mattina l’opera è stata presentata in anteprima dal sindaco Andrea Lutzu, dall’assessora alle Politiche giovanili Maria Bonaria Zedda e da Lucrezia Lacasella in rappresentanza della Consulta giovanile.

“Vede la luce un’opera molto importante per la città – spiega Andrea Lutzu – Quattro anni fa, avevamo preso un impegno preciso in campagna elettorale, subito dopo confermato nel Piano Triennale delle opere pubbliche 2019-2021. Oggi diamo seguito a quegli impegni e possiamo inaugurare un impianto che la città ci chiedeva. Gli appassionati di questo sport sono moltissimi ed era ormai indispensabile individuare aree idonee per praticarlo. Dobbiamo sottolineare il determinante contributo della Fondazione di Sardegna che tante volte in questi anni, e anche per quest’opera, ha sostenuto lo sforzo dell’Amministrazione a favore dello sport e dei giovani”.

Andrea Lutzu
Andrea Lutzu

“Per chi ha l’onore di guidare l’Assessorato alle politiche giovanili è un momento importante: è la maturazione concreta di una collaborazione con la Consulta giovanile, ma anche con la Commissione comunale alle politiche giovanili, che sfocia in un’opera la cui realizzazione è stata a lungo sollecitata dagli stessi ragazzi – sottolinea l’assessora alle Politiche giovanili Maria Bonaria Zedda – È stata una lunga attesa, ma lo skatepark comunale è finalmente una realtà e da lunedì sarà a disposizione dei giovani”.

LEGGI ANCHE:  MAECI, tirocini 'ancora' gratuiti per i giovani italiani.

La disciplina dello skateboard è nata all’inizio degli anni ’50 in California e si è diffusa in Italia a partire ai primi anni ’80. Da allora ha avuto una grande diffusione tanto che a metà degli anni ’90 nel nostro Paese sono nati i primi skatepark. Lo skateboard è una disciplina sportiva riconosciuta a livello nazionale dal CONI, che attraverso la Federazione Italiana Sport Rotellistici (F.I.S.R.) organizza ogni anno campionati italiani.

Maria Bonaria Zedda
Maria Bonaria Zedda

“Lo skateboard è sempre più amato e praticato dai giovani, spesso costretti, a causa della mancanza di strutture, a praticare l’attività in luoghi inadatti, come le strade pubbliche, utilizzando marciapiedi, scalinate e corrimani – conclude Zedda – creando problemi per la sicurezza dei passanti, nonché per gli stessi skaters. Per questo motivo la Giunta Lutzu ha deciso di accogliere le richieste dei ragazzi e dotare la città di una struttura adeguata alle loro esigenze, inserendola in un contesto ad alta vocazione sportiva”.

LEGGI ANCHE:  Protezione ambientale, ecco il progetto Med-Star.