Misure economiche contro la crisi Covid e riforma sanitaria: via libera dalla commissione Bilancio.

Con una seduta pomeridiana la commissione Bilancio questo pomeriggio ha approvato il P 56, ovvero la riprogrammazione delle misure a sostegno delle imprese e dei lavoratori in difficoltà a causa della pandemia ma anche la riforma sanitaria. Sotto la presidenza di Valerio De Giorgi, il parlamentino ha licenziato prima, con il voto contrario dell’opposizione, il disegno di legge 112 e la proposta di legge 121 che riguardano la riforma sanitaria e riportano a una dimensione territoriale le aziende sanitarie.

Massimo Zedda (Progressisti) ha invitato la maggioranza e la giunta a un ripensamento: “Con l’emergenza, un’emergenza che nonostante la percezione di tanti in realtà non è ancora finita, sarebbe più raccomandabile evitare di rischiare una crisi del sistema sanitario facendogli pagare gli effetti di una riforma, che è appunto di sistema”. Cesare Moriconi (Pd) ha posto invece l’accento “sull’incertezza in ordine ai costi di questa riforma. E lo dico senza giudizi di valore sul testo”. Opinione condivisa anche da Eugenio Lai (LeU) che ha detto: “Non vedo risparmi in questa proposte di legge ma solo un aumento dei costi”.

LEGGI ANCHE:  Ferrari: “Back on Track”, avviata la seconda fase del programma

La commissione Bilancio ha approvato il parere finanziario alla riforma sanitaria con questa osservazione: “Si evidenzia l’esigenza di una integrazione e rafforzamento del contenuto della relazione tecnico finanziaria sotto il profilo della quantificazione, specialmente nelle parti che prevedono risparmi di spesa e maggiori costi legati all’istituzione di organi monocratici  e collegiali e al rinnovo delle strutture ospedaliere pubbliche, dando maggiormente conto del loro proiettarsi negli esercizi considerati nel vigente bilancio di previsione e in quelli successivi”. Approvato anche il P 56 nell’ambito del Por Fse Sardegna 20134 2020, nel quale la Giunta ha adottato una riprogrammazione semplificata finalizzata ad attuare misure di contrasto dell’emergenza Covid. La riprogrammazione, con effetti immediati, è stata illustrata dall’assessore al Lavoro, Alessandra Zedda, e prevede tra l’altro sovvenzioni dirette per imprese e autonomi (26,5 milioni di euro) rafforzamento dei servizi di assistenza sanitaria (2,5 milioni di euro) e supporto alle famiglie con persone ad autonomia limitata (3 milioni di euro).

LEGGI ANCHE:  Covid-19, l'Italia invia uomini e mezzi per l'emergenza in India.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.