Migrazione, von der Leyen propone le nuove misure contro i trafficanti di persone.

Oggi la Commissione von der Leyen ha proposto una nuova legislazione per prevenire e combattere il traffico di migranti. La Commissione ha inoltre lanciato un appello all’azione per un’alleanza globale contro il traffico di migranti, in occasione della conferenza internazionale ospitata oggi a Bruxelles.

Entrambe le azioni fanno seguito al discorso sullo stato dell’Unione del 2023 della Presidente von der Leyen , in cui ha chiesto di rafforzare tutti gli strumenti a disposizione dell’UE per contrastare efficacemente il traffico di migranti, aggiornando il quadro legislativo vecchio di 20 anni, rafforzando il ruolo di Le agenzie dell’UE, in particolare Europol, oltre a intensificare la cooperazione con i paesi partner per affrontare questo problema a livello globale. Insieme, queste iniziative definiscono il nuovo quadro giuridico, operativo e di cooperazione internazionale contro il traffico di migranti per gli anni a venire.

Le reti di trafficanti, secondo dati Ue, traggono profitti sostanziali dalle loro attività criminali, che vanno dai 4,7 ai 6 miliardi di euro all’anno in tutto il mondo. Le modalità operative delle reti di trafficanti cambiano rapidamente, adattandosi alle circostanze e alle risposte delle autorità nazionali. Questo è il motivo per cui la Commissione sta intensificando i propri sforzi per contrastare questo crimine su scala globale.

LEGGI ANCHE:  Vescovo Ateba: "Frenare migrazione creando posti di lavoro in Africa".

La Commissione propone, in particolare, di aggiornare il proprio quadro legislativo, stabilendo norme minime per prevenire e contrastare il favoreggiamento dell’ingresso, del transito e del soggiorno non autorizzati nell’UE con i seguenti cinque obiettivi . Perseguire efficacemente le reti criminali organizzate, definendo più chiaramente il reato di contrabbando e ad introdurre il reato penale di istigazione a entrare nell’UE senza autorizzazione.

Ancora, l’introduzione di sanzioni armonizzate capaci di riflettere la gravità del reato: i casi di reati aggravati – che causano la morte di una o più persone – saranno punibili con un livello massimo di reclusione di almeno 15 anni, aumentato dagli attuali 8 anni previsti dalla legislazione UE esistente.

Migliorare la portata giurisdizionale. La giurisdizione degli Stati membri si applicherà anche, ad esempio, quando le imbarcazioni affondano in acque internazionali e le persone muoiono. La giurisdizione degli Stati membri si estende anche ad altri casi, compresi i reati commessi a bordo di navi o aeromobili immatricolati negli Stati membri e i reati commessi da persone giuridiche che operano nell’UE. L’obiettivo è colpire in modo mirato le reti criminali. Attività come l’assistenza umanitaria da parte delle ONG, l’adempimento di un obbligo legale di ricerca e salvataggio, l’assistenza da parte dei familiari e degli stessi migranti non devono essere criminalizzate.

LEGGI ANCHE:  Immigrazione, Renzi a Meloni: "La campagna elettorale è finita".

Rafforzare le risorse e le capacità degli Stati membri. Gli Stati membri dovrebbero disporre di risorse adeguate per le proprie autorità nazionali per garantire un’efficace prevenzione, indagine e perseguimento dei trafficanti. Gli Stati membri dovrebbero anche lavorare sulla prevenzione del traffico di migranti, attraverso campagne di informazione e sensibilizzazione, programmi di ricerca e istruzione.

Migliorare la raccolta e la comunicazione dei dati. I Paesi Ue saranno tenuti a raccogliere e comunicare dati statistici su base annuale per migliorare la portata, l’individuazione dei casi e la risposta al traffico di migranti.

Inoltre, la Commissione propone un regolamento per rafforzare il ruolo di Europol e la cooperazione tra agenzie nella lotta contro il traffico di migranti e la tratta di esseri umani. Ciò si basa sul già efficace Centro Europol contro il traffico di migranti, che vanta un track record di successi con oltre 83 task force operative e 1,2 miliardi di euro in contanti sequestrati sin dalla sua creazione nel 2016.

Il ruolo del Centro sarà ora elevato a una vera dimensione europea lungo aree strategiche. Rafforzare il coordinamento a livello UE: il Centro europeo contro il traffico di migranti sarà rafforzato e sarà sostenuto dagli Stati membri, da Eurojust, Frontex e dalla Commissione. Il Centro monitorerà le tendenze nel traffico di migranti e nella tratta di esseri umani, produrrà relazioni annuali, analisi strategiche, valutazioni delle minacce e aggiornamenti situazionali, nonché azioni investigative e operative.

LEGGI ANCHE:  InvestEU: gli impegni sottoscritti durante la COP27 per la transizione ecologica.

Il Centro, inoltre, sarà supportato dagli ufficiali di collegamento degli Stati membri, nonché da Eurojust e dagli ufficiali di collegamento di Frontex ed Eurojust, che dovrebbero essere distaccati presso Europol.

Per raggiungere questi obiettivi, la Commissione propone inoltre di aumentare le risorse finanziarie e umane di Europol.

La proposta legislativa della Commissione sarà ora negoziata dal Parlamento europeo e dal Consiglio.

La Commissione garantirà che l’Alleanza globale contro il traffico di migranti operi a livello bilaterale e multilaterale, nonché attraverso il lavoro dell’UNODC. Sarà garantito un regolare bilancio a livello politico, con il primo evento che si svolgerà a Copenaghen nella primavera del 2024. La conferenza sarà la prima occasione per fare il punto sui risultati dell’Alleanza globale.

foto Alexis Haulot Copyright: © European Union 2023 – Source : EP