La Commissione avvia un procedimento formale contro TikTok.

La Commissione Europea ha avviato  un procedimento formale per valutare se TikTok possa aver violato il Digital Services Act (DSA) in ambiti legati alla tutela dei minori, alla trasparenza della pubblicità, all’accesso ai dati per i ricercatori, nonché alla gestione del rischio di design che creano dipendenza e contenuti dannosi.

Sulla base dell’indagine preliminare condotta finora, anche sulla base dell’analisi del rapporto di valutazione dei rischi inviato da TikTok nel settembre 2023, nonché delle risposte di TikTok alle richieste formali di informazioni della Commissione (su contenuti illegali , tutela dei minori e accesso ai dati ), la Commissione ha deciso di avviare un procedimento formale contro TikTok ai sensi della legge sui servizi digitali.

LEGGI ANCHE:  L'Europa che vuole "più carri armati" celebra le vittime del terrorismo.

L’avvio di un procedimento formale conferisce alla Commissione il potere di adottare ulteriori misure di esecuzione, come misure provvisorie e decisioni di non conformità. Alla Commissione è inoltre conferito il potere di accogliere ogni impegno assunto da TikTok a sanare le questioni oggetto del procedimento.

TikTok, ricordano dalla Commissione UE, è stata designata come Very Large Online Platform  (VLOP) il 25 aprile 2023 ai sensi della legge sui servizi digitali dell’UE, in seguito alla sua dichiarazione di avere 135,9 milioni di utenti attivi mensili nell’UE. In quanto VLOP, a quattro mesi dalla sua designazione, TikTok ha dovuto iniziare a rispettare una serie di obblighi previsti dai DSA.

LEGGI ANCHE:  Europarlamento, David Sassoli: "Gruppi uniti per procedere veloci con le riforme".