Isole, Musumeci e Solinas: “Bene la decisione del Parlamento europeo”.

“Oggi, con la Risoluzione che il Parlamento europeo ha approvato a grandissima maggioranza a Strasburgo, è arrivata l’ennesima presa d’atto di quanto grave e permanente sia lo svantaggio naturale derivante dall’insularità. Nell’articolata disamina degli eurodeputati, che hanno tenuto in grande considerazione la Relazione sui costi della vita nelle isole promossa dalla Regione, c’è la fotografia del conto salatissimo che la Sicilia, assieme ad altri territori circondati dal mare, paga in assenza di politiche e interventi specifici dell’Unione europea” ha dichiarato il Presidente della Regione Sicilia, Nello Musumeci a margine dell’approvazione della risoluzione Omarjee.

Parere condiviso dal Governatore Christian Solinas per il quale la giornata di oggi “rappresenta un passaggio fondamentale nel percorso verso il riconoscimento della dimensione insulare nelle politiche e nella legislazione dell’Unione europea. Un risultato importante che riporta equilibrio, traccia un percorso di riforma delle politiche europee e restituisce dignità a oltre 20 milioni di cittadini europei distribuiti su circa 2400 isole appartenenti a 13 Stati membri”.

LEGGI ANCHE:  Agricoltura, 40 milioni di euro per le aziende zootecniche sarde.

“Lo sviluppo del settore culturale sulle isole è fondamentale – ha aggiunto Solinas -. Le identità culturali e linguistiche delle isole devono essere tutelate e promosse anche nei contesti educativi in quanto contribuiscono alla valorizzazione delle isole e dell’intera UE. Sposiamo appieno l’iniziativa che vuole designare il 2024 come Anno europeo delle isole”. Se l’iniziativa avrà lo stesso “successo” dell’Anno europeo della Gioventù, per quanto rilevato fino ad oggi, la popolazione insulare dell’UE potrà farne tranquillamente a meno.