In discussione la Pl sulle Politiche giovanili in Sardegna, Guido Pala: “Preoccupante il fenomeno della dispersione scolastica”.

Dopo la falsa partenza della settimana scorsa, la Seconda commissione in Consiglio regionale è ‘riuscita’ a proseguire con il ciclo di audizioni sulla Proposta di legge n. 182 (primo firmatario Fausto Piga) in materia di politiche giovanili, con l’audizione del presidente del Tribunale di Cagliari per i minori, Guido Pala.

Al centro dell’intervento di Pala, le crescenti difficoltà dei giovani, sia in relazione al contesto economico che sociale, aggravate dalla emergenza pandemica: “Preoccupa il fenomeno della dispersione scolastica e l’aumento dei casi di interruzione anticipata della scuola dell’obbligo, nonché la pericolosità del bullismo e del cyberbullismo, le cui manifestazioni appaiono sempre più subdole e frequenti con il ricorso alla tecnologia, all’informatica e l’utilizzo non corretto di smartphone e social”.

LEGGI ANCHE:  Sostegni Bis, Porto Canale: indennità salariale fino a dicembre.

“Preoccupanti – prosegue Guido Pala – anche i casi di maltrattamenti e le manifestazioni di malessere all’interno delle famiglie”. Ulteriori criticità evidenziate nel corso dell’audizione, i casi di minori con difficoltà psicologiche e psichiatriche e l’aumento dei minori stranieri non accompagnati.

Il presidente del Tribunale di Cagliari ha quindi concluso l’audizione rivolgendo al Consiglio regionale l’invito a nominare al più presto il garante per l’infanzia e i minori, incarico vacante ormai da più di un anno.

La commissione ha poi esaminato il testo unificato in materia di bullismo e cyber bullismo che riporta a sintesi la proposta di legge n. 16 (Comandini e più) e la n. 109 (Piras e più). L’articolato è stato approvato all’unanimità con un’ipotesi di stanziamento di 300mila euro anno. La commissione ha fissato per giovedì 10 marzo alle 13 il termine ultimo per la presentazione degli emendamenti.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili: in Puglia nasce il forum degli adolescenti.