Giovani, prosegue il tour YOUZ. Al centro il lavoro e l’inclusione.

Prosegue il percorso di YOUZ, la piattaforma di ascolto dei giovani in Emilia-Romagna voluta dalla Regione per discutere e confrontarsi sulle politiche regionali che riguardano le ragazze e i ragazzi a bordo di un vero e proprio caravan… la Sardegna è decisamente anni luce (con un sito dedicato non aggiornato dal 2012)!

Nel frattempo Ferrara, con il neoassessore regionale al Welfare e Politiche giovanili Igor Taruffi al suo primo impegno pubblico, è andato in scena l’incontro incentrato su un tema fondamentale: il lavoro.

Durante gli ultimi due anni – come emerge dal rapporto Giovani e mercato del lavoro in Emilia-Romagna”, curato da ART-ER Scpa su dati Istat – le ripercussioni socioeconomiche si sono avute sui giovani nella fascia d’età 15-24 anni, con una crescita in termini di disoccupazione del +9,7% nel 2020 e +4,5% nel 2021 su una forza lavoro di 107 mila unità. Più “positiva” la situazione nella fascia 25-34 anni, maggiormente legata all’andamento del ciclo economico. Target che ha rilevato un +2,1% in termini di disoccupazione su una forza lavoro di 364 mila giovani.

LEGGI ANCHE:  Acquisti online: il 78,2% dei giovani ormai acquista solo sulla rete.

“L’evento di oggi si inserisce a pieno titolo nel percorso di ascolto e confronto con i nostri giovani avviato più di un anno fa, per promuovere a tutto campo il loro protagonismo nelle scelte della Regione che li riguardano da vicino – spiega l’assessore Taruffi -. Il tema del lavoro è tra quelli più sentiti dai giovani, che la Regione ha voluto mettere al centro delle sue politiche insieme a una rete formativa efficace e diffusa. Il nostro obiettivo è quello di capire direttamente da loro esigenze, bisogni e aspirazioni, per non lasciarli soli in un momento così difficile nel quale va salvaguardata la coesione sociale. E lo faremo anche attraverso l’Osservatorio Giovani, per una programmazione e una capacità di risposta che siano davvero efficaci”.

LEGGI ANCHE:  Aumenta l'occupazione nel Terzo Settore: +5,8% in Italia.