Giovani Italiani e indipendenza: difficile uscire dal “guscio” familiare.

Un decennio fa, il giovane italiano medio era pronto a volare via dal nido familiare a 25 anni. Ma il 2022 racconta una storia diversa: ora, secondo lo studio di ProntoBolletta l’età media è salita a 30. Mentre l’Europa, per quanto riguarda l’indipendenza dei giovani, avanza, l’Italia non riesce a fare passi in avanti.

In Europa, quando si parla di indipendenza residenziale, la media si posiziona intorno ai 26,4 anni. In questo panorama, invece, l’Italia si colloca tra i Paesi con un ritardo maggiore nell’indipendenza dei giovani.

Le nazioni che superano l’Italia in questa triste classifica sono la Croazia, con una media di 33,4 anni, seguita da Slovacchia, Grecia, Bulgaria, Spagna e Malta, tutte con medie poco sopra i 30 anni.

LEGGI ANCHE:  In Italia 5 milioni di anziani si dedicano a volontariato.

Al contrario, le nazioni europee che vedono i propri giovani diventare indipendenti più precocemente sono la Finlandia, la Svezia, la Danimarca e l’Estonia, con medie che oscillano tra i 21,3 e i 22,7 anni.

Ma cosa frena i giovani italiani ad abbandonare il contesto familiare? Innanzitutto i salari non adeguati e la durata degli studi (in Italia si studia di più e decisamente male).

Un altro fattore che ostacola l’indipendenza residenziale è il crescente costo degli affitti.

CittàRincaro Affitti 2023 rispetto al 2022
Roma+4,9%
Milano+10,8%
Napoli+5,4%
Torino+10,6%
Palermo+5,9%
Genova+5%
Bologna+17,8%
Firenze+20,2%
Venezia+14,1%

Un altro dato interessante emerge dalla panoramica europea: le giovani donne tendono a lasciare la casa familiare prima dei coetanei maschi. Nel 2022, le donne europee hanno raggiunto l’indipendenza residenziale all’età media di 25,4 anni, mentre gli uomini a 27,3 anni. Questa tendenza si riflette anche in Italia, con le donne che diventano indipendenti attorno ai 29 anni e gli uomini attorno ai 30,9 anni.

LEGGI ANCHE:  Sistema Paese, Censis: "Nel 2050 -8 milioni di persone in età lavorativa. Per 80% italiani nazione in declino".
SpesaCosto
Affitto400-450€
Spesa al supermercato200-250€
Gas e luce70-150€
Acqua30-50€
TARI28€
ADSL30€
Riepilogo delle spese medie mensili per un ‘aspirante giovane indipendente’ in Italia.

Considerando queste spese, un singolo individuo potrebbe spendere tra i 750€ e i 950€ al mese. Con l’aggiunta di trasporti e svaghi, il totale mensile potrebbe superare i 1.000€. Per una vita indipendente bilanciata, uno stipendio ideale potrebbe aggirarsi intorno ai 1.400-1.500€.

L’indipendenza residenziale rappresenta un importante passo nella vita di ogni giovane. Tuttavia, le sfide economiche e sociali attuali rendono questo passo sempre più difficile, specialmente per i giovani italiani.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata