Inclusione e formazione giovanile nello sport, ecco il premio Aldo Biscardi.

Dopo il museo Storico Aldo, aperto 3 anni fa a Larino in Molise dedicato alla vita del noto giornalista, nasce il Premio Aldo Biscardi alla Comunicazione e allo Sport.

Riconoscimento presentato ieri nel corso di un evento ospitato nel salone d’Onore del Coni, a cui hanno partecipato, tra i tanti, Giovanni Malagò, Presidente del CONI, Antonella Biscardi, Giornalista e Presidente del Premio e Max Giusti, attore e conduttore televisivo.

Oltre a evidenziare le eccellenze che si sono distinte in campo della comunicazione, dello sportletterario e di Fair Play, il Premio rivolge grande attenzione alla formazione giovanile.

Premio Aldo Biscardi, foto Carlotta Colaleo
Premio Aldo Biscardi, foto Carlotta Colaleo

Il Premio, hanno ricordato i promotori, punta alla creazione di una grande community trasversale a categorie sociali, culturali e di genere. Coerentemente allo spirito del noto conduttore, il Premio mira a sostenere iniziative che promuovano il recupero sociale dei giovani attraverso lo sport.

LEGGI ANCHE:  Cagliari. Doppia seduta in vista del Tardini.

La consegna dei premi avverrà il 25 giugno 2022 nella Sala Freda del palazzo Ducale di Larino, adiacente al museo Storico Aldo, alla presenza delle autorità, della stampa, di personaggi dello spettacolo e dello sport.

Aldo è stato un innovatore nella comunicazione sportiva e non solo. Con l’invenzione de Il Processo del Lunedì e il successivo Il Processo di Biscardi ha sperimentato moduli nuovi rivisitando schemi e stilemi tradizionali, elaborando un vero e proprio Metodo che il Premio vuole ricercare ed evidenziare in una Tavola Rotonda con esperti della comunicazione radiotelevisiva, mass mediologi e autori televisivi.

Premio Aldo Biscardi, foto Carlotta Colaleo
Premio Aldo Biscardi, foto Carlotta Colaleo

L’iniziativa andrà a premiare anche i personaggi che si distingueranno per particolari doti di fairplaycomunicazione originalità, indirizzate soprattutto ai giovani.

LEGGI ANCHE:  I giganti 'schiantano' anche la Fortitudo.

foto Carlotta Colaleo