Istruzione, oltre 16 milioni per 180 corsi Iefp per i giovani siciliani.

Pubblicato sul sito del dipartimento regionale dell’Istruzione, dell’università e del diritto allo studio l’avviso rivolto agli enti di formazione accreditati, per la realizzazione di percorsi formativi di istruzione e formazione professionale (Iefp) di quarta annualità.

I corsi, così come tutta l’offerta formativa Iefp, su indicazione dell’assessore, condivisa con il dirigente generale e nel rispetto della normativa vigente, partiranno con l’avvio del nuovo anno scolastico 2023/2024.

I percorsi volti a rafforzare le competenze acquisite nel sistema regionale degli Iefp, ampliando l’offerta, si rivolgono ai giovani che, completato il triennio e in possesso della qualifica di operatore, intendono proseguire gli studi nel sistema Iefp per conseguire un diploma professionale di tecnico.

LEGGI ANCHE:  Violazione dei diritti dei passeggeri, l'ENAC invia richiamo a Volotea e Wizz Air.

L’assessorato regionale dell’Istruzione e della formazione professionale mette in campo un finanziamento di 16,7 milioni di euro, a valere su risorse nazionali del ministero del Lavoro e delle politiche sociali finalizzate ai percorsi Iefp e su risorse del bilancio regionale. Nell’avviso si prevede l’avvio di 180 corsi di quarta annualità in tutta la Sicilia, con il coinvolgimento di un numero di destinatari che oscilla tra un minimo di 2.700 a un massimo di 4.500, tenendo conto di tutti gli allievi che hanno conseguito il titolo di qualifica triennale.

Nel dettaglio, 12,5 milioni sono destinati a 135 percorsi, attivati da enti di formazione accreditati per il conseguimento di un diploma tecnico coerente con la figura Iefp della qualifica triennale già conseguita dagli allievi; altri 4,2 milioni sono riservati a 45 corsi, realizzati dagli enti di formazione accreditati in progettazione integrata con gli istituti professionali statali.

LEGGI ANCHE:  Home schooling, centro diurno e cooperativa agricola. Le attività per i giovani de "La Viarte".

La strategia è finalizzata a permettere successivamente il rientro degli allievi al quinto anno dei relativi percorsi di istruzione secondaria di secondo grado.

Ai corsi potranno iscriversi  allievi fino a 23 anni non compiuti entro il primo settembre 2023, tranne nel caso di percorsi avviati all’interno degli istituti penitenziari dove non c’è limite di età. Ogni corso potrà avere fra i 15 e i 27 allievi (al massimo due con disabilità per classe) e avrà una durata complessiva di 1.056 ore.

L’ente di formazione dovrà riconoscere agli allievi un premio finale di 300 euro da erogare dopo il conseguimento del diploma professionale, come incentivo al raggiungimento del successo formativo.

LEGGI ANCHE:  Saldi invernali, al via il 5 gennaio 2022.