Giovani e ambiente. Proiezione pubblica dei video del progetto Climatubers.

Sostenibilità e contrasto agli effetti del cambiamento climatico sono temi centrali nel dibattito pubblico di cui tanto si parla. Talmente tanto da rendere concreto il rischio di assuefazione e noia nei riguardi di un’emergenza la cui gravità, tuttavia, si acuisce di giorno in giorno.  

Diviene quindi importante che questi argomenti vengano affrontati in maniera creativa ed efficace con modalità accessibili a tutti. Il progetto internazionale “Climatubers – Influencers for change”, attuato a livello locale dall’associazione sarda TDM 2000 International, ha voluto rispondere a questa esigenza mediante la realizzazione di video partecipativi che parlassero con linguaggi non convenzionali di ambiente e cambiamento climatico.

I video, realizzati dagli studenti del Convitto Nazionale di Cagliari e dell’Istituto Tecnico Mossa di Oristano, saranno presentati in una proiezione pubblica che si terrà a Cagliari mercoledì 25 ottobre alle ore 17, nel Greenwich d’essai Cineclub, in via Sassari 67.

LEGGI ANCHE:  Ambiente, Gianni Lampis: "Trovare equilibrio tra tutela e giusto utilizzo".

Nati in tempi recenti,  i video partecipativi sono una modalità di condivisione di un messaggio basata su video realizzati da non esperti del settore, attraverso l’uso di cellulari e tecniche base di editing e montaggio. I video partecipativi posso veicolare messaggi di varia natura e offrono una prospettiva che parte dal basso, descrivendo il punto di vista di una comunità.

Climatubers è un progetto realizzato nell’ambito dell’azione chiave 2 del programma Erasmus + da una consorzio di organizzazioni che vede il capofila Ecoserveis (Spagna), TDM 2000 International, ZSI (Austria), Hespul (Francia), Endurae (Estonia), la municipalità di Granollers (Spagna). Le attività del progetto si concluderanno nel 2024.

LEGGI ANCHE:  Use of steroids for training purposes – shall we upgrade our knowledge before we upgrade our body? 

Foto di Iván Tamás da Pixabay.com