Formazione sanitaria, Plus e centri antivolenza: luce verde dalla Commissione.

La commissione Sanità del Consiglio regionale ha dato parere favorevole alle delibere di Giunta riguardanti i contratti di formazione sanitaria, i Piani locali Plus ed i Centri antiviolenza. Le delibere sono state approvate all’unanimità, fatta eccezione per quella sui Plus, sulla quale la minoranza si è astenuta.

Le delibere sono state illustrate dai funzionari dell’assessorato alla Sanità. Per quanto riguarda i contratti regionali di formazione, previsti dalla legge regionale 6/2020, saranno impiegate nel 2022 risorse per oltre 21 milioni a copertura di 260 contratti, comprese 79 borse di studio di area sanitaria non medica, destinate biologi, chimici, farmacisti, fisici, psicologi e veterinari. Negli anni successivi 2023 e 2024 i fondi saranno incrementati fino a 26milioni e 350mila.

LEGGI ANCHE:  Distretto sanitario di Oristano. Manifestazione dei sindaci in Consiglio regionale.

I Piani locali unitari dei servizi alla persona (Plus), avranno, invece, una dotazione finanziaria di circa 22 milioni assegnati per il 40% in base ad una quota fissa e per 60% a seconda della popolazione residente nei 25 ambiti territoriali della Regione. Le risorse saranno trasferite in tempi brevi per l’80%.

Infine, le Case di accoglienza ed i Centri antiviolenza – istituite dalla legge regionale 8/2007 – potranno contare anche sugli interventi inseriti nella legge di stabilità 2022, che hanno portato al finanziamento complessivo di 2 milioni, del quale fanno parte anche risorse statali. Nelle annualità 2023 e 2024, in particolare, è previsto un incremento ulteriore dei fondi pari a 2.5 milioni per ciascun anno. Beneficiarie del provvedimento le 4 strutture “storiche” (Olbia, Nuoro più 2 attive a Cagliari), più altre che hanno ripreso l’attività o partecipato ad un recente bando pubblico (ambiti Plus di Sanluri e Guspini, Centro antiviolenza Plus Carbonia-Iglesias, Centri antiviolenza Comuni del Marghine ed Ozieri). La ripartizione dei fondi sarà effettuata per il 70% a favore della Case di accoglienza e per il 30% ai Centri antiviolenza.

LEGGI ANCHE:  Amianto, M5S Sardegna: "Giunta sblocchi le risorse per le bonifiche"