Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Fondi Recovery, Luigi Iovino: "Pochi 90 mila posti con Fondi Pnrr". - Sardegnagol

Fondi Recovery, Luigi Iovino: “Pochi 90 mila posti con Fondi Pnrr”.

Nonostante la grande autoreferenzialità legata al Pnrr e ai suoi ‘presunti’ effetti salvifici sul sistema economico e sociale italiano, qualcuno, tra le fila istituzionali, inizia a percepire la limitatezza degli interventi previsti dal piano di ripresa: specialmente per i più giovani. Ne è convinto il deputato del Movimento 5 Stelle, Luigi Iovino, per il quale “90mila posti di lavoro per i nostri giovani, entro il 2023, con i fondi del Pnrr sono un punto di partenza” e ancora che “la quota messa in campo per il contrasto alla disoccupazione giovanile, pari all’8,12% del totale delle risorse, è inferiore agli investimenti di Spagna e Germania, dove il fenomeno non ha la stessa drammaticità del nostro Paese”.

LEGGI ANCHE:  Giovani, ministro Giovannini: "Stimolare l'imprenditoria giovanile", ovvero l'insostenibile retorica del 'salvifico' Pnrr.

Uno squilibrio che dimostra, inequivocabilmente, la sensibilità della politica italiana per la questione giovanile, nonché la scarsa sostanzialità delle azioni per l’inclusione sociale dei ragazzi/e italiani. Per i giovani, quindi, escludendo i soliti proclami autoreferenziali e stanchevoli sul valore delle politiche giovanili, il Pnrr non rappresenterà quella svolta tanto attesa.

Eppure – non bisogna essere degli attenti analisti – l’Italia continua a posizionarsi al primo posto in Europa per numero di neet, circa tre milioni, senza contare che l’occupazione giovanile è di 14 punti percentuali al di sotto della media degli altri Paesi europei e, ancora, che le opportunità formative proposte dalle istituzioni nazionali e regionali, spesso sono buone solo ad alimentare il “circuito delle consulenze e degli operatori della formazione” con buona pace per la qualità della professionalizzazione dei giovani italiani.

LEGGI ANCHE:  Si celebra la giornata mondiale delle competenze giovanili: migliorare la qualità della formazione e dell'istruzione.

Basta analizzare, ancora, l’ultima fotografia scattata da Eurostat sul tema delle competenze digitali degli under 35 italiani, per la quale appena il 39% dei giovani italiani ha competenze digitali, contro il 65% dei tedeschi e il 68% degli spagnoli. Dettagli… quisquilie!

Temi, l’inclusione, la formazione e il lavoro, sui quali il Pnrr dimostrerà a breve tutta la sua limitatezza e la sua incapacità di rispondere alle reali esigenze dei giovani italiani. Un epilogo facilmente prevedibile all’interno di un paradigma di Stato dove le risorse per i giovani continuano a confermarsi scarse e buone soltanto a supportare l’ennesimo quinquennio di politiche giovanili spot e senza alcun impatto sui giovani italiani.

LEGGI ANCHE:  Sardegna. Il Consiglio dei Ministri impugna la quinta legge regionale del 2020.

Strategie che non aiuteranno a costruire un Paese competitivo e all’altezza delle sfide del futuro.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata