Fibromalgia: le indennità per i sardi, Fausto Piga: “Impegni concreti per i malati”.

La Giunta Regionale della Sardegna ha approvato gli indirizzi operativi che disciplinano l’indennità regionale per i malati di fibromialgia (IRF), una nuova norma approvata nel mese di dicembre dal Consiglio regionale della Sardegna, come ricordato oggi dal capogruppo di Fratelli d’Italia, Fausto Piga, primo firmatario della Proposta di legge 319.

“Un via libera che disciplina la procedura che i malati di fibromialgia dovranno seguire per richiedere lo speciale sussidio. La domanda – prosegue – dovrà essere presentata durante il mese di aprile unitamente al certificato di diagnosi fibromialgica e l’attestazione ISEE presso il Comune di residenza.

L’indennità regionale fibromialgia, unica in tutta Italia, sarà erogato come sostegno economico sperimentale nella forma di contributo a fondo perduto​ monetario​ una tantum,​ senza rendicontazione,​ dell’importo annuo massimo di 800 euro, che secondo le previsioni del comitato censimento malati di fibromialgia dovrebbe riguardare circa 2000 persone.

LEGGI ANCHE:  Fibromialgia, Stefania Loi: "Il 12 maggio illuminiamo il Bastione per fare luce su una malattia subdola".

“Non più solo buoni propositi – ha aggiunto l’esponente di Fratelli d’Italia – ma impegni concreti per provare a fare meglio rispetto al passato sul piano del sostegno economico dei malati fibromialgici, una patologia che non risulta tra le malattie invalidanti riconosciute dall’Inps e nemmeno inserita nei Lea, con la conseguente esclusione dell’esenzione dalla spesa sanitaria per visite, controlli e cure”.

“Questo risultato non vuol essere un punto di arrivo ma bensì un punto di partenza – conclude Fausto Piga –. Siamo consapevoli che non saranno 800 euro a cambiare la vita delle persone, ma il vero obiettivo rimane quello di tenere alta l’attenzione della politica affinché si arrivi in tempi brevi al riconoscimento della fibromialgia nei Lea: il sistema sanitario nazionale deve riconoscere alle persone colpite da questa patologia tutto quello che c’è da riconoscere come già fa per i pazienti di altre gravi malattie garantendo pari dignità”.

LEGGI ANCHE:  Europee 2024. Modifiche alla legge elettorale, Commissione: "Nessun potere di intervento".

foto Sardegnagol riproduzione riservata