Eurobarometro: in aumento percezione positiva sulla qualità della vita nelle regioni dell’UE.

Secondo una recentissima indagine Eurobarometro, condotta a livello regionale, i cittadini e le cittadine dell’UE sono sempre più ottimisti sulla qualità della vita nella propria regione di residenza.

Oltre otto europei su dieci (82%), infatti, affermano che la qualità della vita nella loro regione è buona . Allo stesso tempo, il 65% degli europei ritiene che la situazione attuale dell’economia della propria regione sia buona .

Gli europei tendono a pensare che le questioni più importanti che la loro regione deve affrontare in questo momento siano il costo della vita (31%), la situazione economica e la disoccupazione (26%) e la salute (26%). Seguono gli alloggi (20%), l’ambiente e il cambiamento climatico (19%) e il sistema educativo (18%).

LEGGI ANCHE:  Europa, Vergognati!

Allo stesso tempo, identificano l’economia, la giustizia sociale e l’occupazione (29%) come una delle dimensioni più importanti per il futuro dell’Europa, seguiti da cambiamento climatico e ambiente (24%), istruzione, cultura, gioventù e sport ( 24%), democrazia, valori e diritti e Stato di diritto (21%), salute (21%), sicurezza e difesa dell’UE (20%) e migrazione (19%).

La fiducia negli enti regionali e locali resta elevata, così come la fiducia nell’UE. Il 58% degli intervistati tende ad avere fiducia negli enti regionali e locali e il 38% tende a non fidarsi di loro. Le stesse proporzioni si osservano quando si tratta di fiducia nell’UE.

La maggioranza degli europei continua a mostrare ottimismo. Il 66% di loro è ottimista riguardo al futuro della propria regione mentre il 32% è pessimista. Allo stesso tempo, il 55% è ottimista riguardo al futuro dell’UE mentre il 42% è pessimista.

LEGGI ANCHE:  Protezione temporanea: quasi 4,2 milioni di persone nei Paesi Ue.

L’indagine mostra inoltre che la maggioranza degli europei (47%) continua ad avere un’immagine positiva dell’UE, mentre il 21% ha un’immagine negativa e il 30% ha un’immagine neutra.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata