Domande di asilo: +20% nel 2023. 130mila quelle presentate in Italia.

Nel 2023, 1.048.900 richiedenti asilo alla prima domanda (cittadini extra-UE) hanno presentato domanda di protezione internazionale nei Paesi dell’UE , in aumento del 20% rispetto al 2022 (873.700). Dopo un notevole calo nel 2020 (417.100), i numeri sono aumentati per 3 anni consecutivi, raggiungendo quasi i picchi registrati nel 2015 e nel 2016 (1.216.900 e 1.166.800) a seguito della guerra in Siria.

Dal 2013 la Siria è il principale Paese di cittadinanza dei richiedenti asilo nell’UE. Nel 2023, i siriani hanno presentato 183 000 domande per la prima volta (il 17% del numero totale di domande per la prima volta nell’UE). 

L’Afghanistan è stato il secondo Paese con maggiore cittadinanza per il sesto anno consecutivo (100.900, ovvero il 10% del totale dell’UE). 

LEGGI ANCHE:  Vescovo Ateba: "Frenare migrazione creando posti di lavoro in Africa".

I richiedenti provenienti dalla Turchia rappresentavano il 9% del totale dell’UE con 90.000 domande, mentre quelli provenienti da Venezuela e Colombia rappresentavano rispettivamente il 6% con 67.100 e 62.000 domande.

Con 329.000 richiedenti asilo alla prima domanda registrati nel 2023, la Germania ha continuato a essere il Paese dell’UE con il maggior numero di richiedenti, rappresentando quasi un terzo di tutti i richiedenti alla prima domanda nell’UE (31%). Seguono Spagna (160.500, 15%) e Francia (145.100, 14%), davanti all’Italia (130.600, 12%). Questi 4 membri dell’UE insieme rappresentavano quasi i tre quarti (73%) di tutti i richiedenti asilo per la prima volta nell’UE lo scorso anno.

Rispetto alla popolazione di ciascun paese dell’UE, il numero più elevato di richiedenti asilo registrati per la prima volta nel 2023 è stato registrato a Cipro (13 richiedenti alla prima domanda ogni 1.000 persone), davanti a Grecia e Austria (6 ciascuna).

LEGGI ANCHE:  Bilancio pluriennale UE: i deputati chiedono più finanziamenti contro la crisi.

Nel 2023, nell’UE, c’erano 2 richiedenti asilo alla prima domanda ogni 1.000 persone.