Energia, Confindustria Sardegna spinge per la discussione sul Decreto Energia.

Il rinvio a novembre della discussione sul Decreto Energia (DPCM) emanato dal Governo Draghi, disposto dal Consiglio di Stato su richiesta della Regione Sardegna, nel dilatare oltremodo i tempi, secondo Confindustria Sardegna rischia di pregiudicare la sopravvivenza del tessuto economico e produttivo sardo.

“Dare sollecito riscontro operativo alle questioni trattate dal DPCM – dichiara in una nota l’associazione di categoria – che pure rappresenta una risposta certamente parziale e bisognosa di correttivi rispetto agli equilibri energetici dell’isola, è assolutamente essenziale per scongiurare sospensioni o chiusure di attività strategiche di grande impatto economico ed occupazionale. Le imprese sarde non possono permettersi una indefinita situazione di stallo”.

LEGGI ANCHE:  Vaccini in Sardegna, Michele Ciusa: "La Regione accetti l'invio di task force militari".

“Il Decreto rappresenta comunque un primo passaggio ineludibile per avviare, dopo decenni di attese, dibattiti, impegni, progettazioni e iter autorizzativi, quell’auspicato processo di metanizzazione della nostra regione, fondamentale anche per gestire la fase estremamente complessa della transizione energetica. Tempi dilatori rischiano di pregiudicare investimenti, credibilità e tenuta del sistema industriale e produttivo che attende da oltre cinquant’anni interventi per riequilibrare una diseconomia storica con l’Italia e con l’Europa e che ora rischia di diventare un obiettivo sempre più irraggiungibile”.

foto Confindustria.it