Confindustria: “Decreto energia deve rispettare la priorità per le Isole”.

Confindustria Sardegna e Confindustria Sicilia hanno inviato una nota congiunta al ministro della Transizione Ecologica ed al ministro per lo Sviluppo Economico, chiedendo che venga rispetta la priorità delle misure che garantiscono il contenimento dei costi per imprese energivore localizzate nelle isole maggiori.

“Il provvedimento – spiegano dall’associazione di categoria – è assolutamente essenziale per scongiurare sospensioni o chiusure di attività strategiche di grande impatto economico ed occupazionale. Considerate la finalità del decreto, il principio di insularità riconosciuto in Costituzione e dall’Unione Europea da ultimo nella Risoluzione del Parlamento del 7 giugno 2022 che riconosce la condizione di insularità come una delle cause del divario di sviluppo tra le regioni europee anche in riferimento al regime aiuti di stato, le Rappresentanze imprenditoriali ritengono  fondamentale per le imprese energivore della Sardegna e della Sicilia che vengano rimossi i fattori di ulteriore svantaggio competitivo rispetto alla restanti aziende energivore peninsulari, considerato anche l’impossibilità di fruire delle misure dell’interconnector virtuale per la Sardegna e la Sicilia”.

LEGGI ANCHE:  Decontribuzione Sud, Confindustria Sardegna: "Proroga positiva".

Il Decreto in fase di emanazione pare non prevedere alcuna quota di riserva in favore delle isole maggiori né alcun criterio di priorità e che i prezzi si attesterebbero su valori comunque elevati. Se tali notizie venissero confermate, il provvedimento è assolutamente inidoneo a scongiurare ulteriori tagli alla produzione industriale con le conseguenze facilmente immaginabili soprattutto sul piano occupazionale per il già debole sistema produttivo delle due isole ed in particolare della Sardegna.

“Si auspica – concludono da confindustria – che venga riconsiderata la possibilità di recepire il dispositivo di legge prevedendo le priorità per le imprese localizzate in Sardegna e Sicilia al fine di garantire la continuità delle produzioni e salvaguardare l’occupazione”.

LEGGI ANCHE:  1797 positivi e 1 decesso. Gli ultimi numeri del Covid in Sardegna.