Accoglienza dall’Ucraina: il Consiglio dei ministri approva le nuove misure.

Il Consiglio dei ministri, nel corso dell’ultima seduta ha approvato un nuovo decreto-legge introducendo disposizioni urgenti di protezione temporanea per le persone provenienti dall’Ucraina.

Il testo stabilisce la proroga delle misure di assistenza e accoglienza già disposte in favore della popolazione ucraina, fino al 31 dicembre 2023. In particolare, è disposta la prosecuzione delle attività di accoglienza diffusa svolta mediante i comuni, gli enti del terzo settore, i centri di servizio per il volontariato, gli enti e le associazioni iscritte nel registro già previsto dal Testo unico sull’immigrazione e gli enti religiosi civilmente riconosciuti; sostentamento per l’assistenza delle persone titolari della protezione temporanea che abbiano trovato autonoma sistemazione;

LEGGI ANCHE:  Armi all'Ucraina. Gli Stati Uniti non possono farne a meno.

Garantito, ancora il servizio sociale offerto dai comuni ospitanti un numero significativo di beneficiari di protezione temporanea, per i quali è previsto lo stanziamento di un contributo forfettario nel limite di ulteriori 40.000.000 di euro anche per l’anno 2023, ai fini del rafforzamento dell’offerta dei servizi.

Inoltre, si proroga al 31 dicembre 2023, fatta salva la cessazione della protezione temporanea, la durata dei permessi di soggiorno per protezione temporanea fino ad ora rilasciati ai cittadini ucraini.