L’Ucraina in Ue, ID: “Processo non in linea con conclusioni del Consiglio del 1993”.

Lo scorso 28 febbraio 2022, l’Ucraina presentava domanda di adesione all’Unione Europea e il successivo 23 giugno 2022 il Consiglio europeo ha concesso all’Ucraina lo status di Paese candidato, avviando i negoziati formali di adesione nel mese di dicembre 2023. Una forzatura, l’adesione dell’Ucraina all’Ue – sostenuta dall’invasione militare della Federazione Russa – che, secondo gli esponenti di Identità e Democrazia*, non soddisferebbe i criteri stabiliti nelle conclusioni del Consiglio europeo del 1993 essendo il Governo di Kiev in guerra e sotto l’occupazione della Russia che, al momento, ne occupa il 18% del territorio.

Un aspetto, forse non tenuto in considerazione dai sostenitori della “politica di interesse” e per quel che resta dell’opinione pubblica in Europa, che potrebbe avere delle conseguenze giuridiche e pratiche, ipotizzando un eventuale obbligo degli altri Paesi Ue di entrare in guerra al fianco dell’Ucraina, alla luce dell’articolo 42, paragrafo 7, del trattato sull’Unione europea.

LEGGI ANCHE:  Unione Europea: le vittime della strada aumentano del 4%.

Sul tema dalla Commissione europea, ha precisato che Consiglio non ha discusso nel merito di tali questioni e che a seguito della richiesta del Consiglio, la Commissione ha espresso un parere sull’UE dell’Ucraina, in cui ha valutato la domanda del Governo di Kiev, affermando che “la resilienza delle istituzioni ucraine è stata pienamente dimostrata fin dall’invasione russa” e, ancora, che “nel complesso, l’Ucraina è a buon punto nel raggiungere la stabilità delle istituzioni che garantiscono democrazia, Stato di diritto, diritti umani, rispetto e tutela delle minoranze”. Una migliore lettura sui tassi di corruzione e di violenze contro gli oppositori interni del Governo di Kiev, forse, aiuterebbe nell’elaborazione di una più puntuale relazione sull’Ucraina dalle parti dell’Esecutivo von der Leyen…

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, Delegazione UE: "Autorità bielorusse hanno espulso due diplomatici britannici".


*Jean-Lin Lacapelle, Filip De Man, Joachim Kuhs, Annika Bruna, Eric Minardi, André Rougé, Marie Dauchy.

foto Christophe Licoppe, European Union, 2022 Copyright Source: EC – Audiovisual Service