EMA: sì del Consiglio al rafforzamento dell’Agenzia europea per i medicinali.

Il Consiglio dell’UE ha raggiunto un accordo su un progetto di norme intese a rafforzare il ruolo dell’Agenzia europea per i medicinali (EMA) nella preparazione alle crisi e nella loro gestione in relazione ai medicinali e ai dispositivi medici. L’orientamento generale raggiunto oggi conferisce alla presidenza del Consiglio un mandato negoziale per concordare una posizione comune con il Parlamento europeo.

“Sebbene la Covid-19 faccia ancora sentire i suoi effetti – ha ricordato Marta Temido, ministra portoghese della Salute – dobbiamo essere maggiormente preparati ad affrontare nuove crisi sanitarie. A tal fine, un’Agenzia europea per i medicinali più forte svolgerà un ruolo chiave. Ci aiuterà a prevenire le carenze di medicinali e di dispositivi medici critici e a sviluppare più rapidamente medicinali in grado di combattere qualsiasi malattia che provochi una crisi”.

Logo, foto EMA
Ema, foto https://www.ema.europa.eu/en

Gli Stati membri, in particolare, hanno approvato modifiche in materia di disposizioni finanziarie e protezione dei dati, sottolineando che i trasferimenti di dati personali nel contesto del nuovo mandato dell’EMA saranno soggetti alle norme dell’UE, come il regolamento generale sulla protezione dei dati. Altre modifiche riguardano la composizione e il funzionamento della task force per le emergenze, in particolare il ruolo consultivo dell’Agenzia per quanto riguarda la realizzazione di sperimentazioni cliniche relative a medicinali destinati ad affrontare un’emergenza sanitaria.

LEGGI ANCHE:  Violazione dei diritti umani in Nicaragua. Le sanzioni del Consiglio dell'UE.

Il rafforzamento dell’EMA, ricorda il Consiglio dell’UE, fa parte del più ampio pacchetto “Unione europea della salute” (che comprende anche un mandato rafforzato per il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e un progetto di legge sulle minacce per la salute a carattere transfrontaliero). Tutte e tre le proposte sono state presentate dalla Commissione europea lo scorso 11 novembre 2020.

foto EMA