Due quinti dei giovani adulti dell’UE hanno un’istruzione terziaria.

Nel 2022, più di due quinti (42,0%) della popolazione dell’UE di età compresa tra 25 e 34 anni aveva un livello di istruzione terziario (alcune persone all’interno di questa fascia di età potrebbero ancora studiare).

Delle 240 regioni NUTS 2, secondo l’Eurostat, in 72 regioni (equivalenti al 30% di tutte le regioni dell’UE) questa percentuale aveva già raggiunto o superato l’obiettivo politico dell’UE per quest’area: 45,0%. Le regioni che hanno già raggiunto questo obiettivo sono ombreggiate in verde-blu sulla mappa.

All’estremità superiore della distribuzione si trova la regione della capitale lituana con il 73,6%, seguita dalle altre 11 regioni dove almeno il 60,0% dei giovani ha un livello di istruzione terziaria. Queste includevano le regioni delle capitali di Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Polonia, Ungheria, Svezia, Lussemburgo e Danimarca. Molte di queste regioni attraggono persone altamente qualificate, probabilmente a causa delle varie opportunità educative, lavorative e sociali e di stile di vita che offrono. 

LEGGI ANCHE:  Gal SGT: un milione di euro per il rilancio dei territori. I giovani in testa per il cambiamento delle aree interne.

Quote relativamente elevate di istruzione terziaria sono state registrate anche in due regioni specializzate in attività di ricerca e innovazione e/o nella produzione ad alta tecnologia: Utrecht nei Paesi Bassi e País Vasco nel nord della Spagna; L’Irlanda del Nord e dell’Ovest è stata l’unica altra regione dell’UE a registrare una quota superiore al 60,0%.

All’altra estremità della distribuzione, c’erano 17 regioni in cui meno di un quarto di tutte le persone di età compresa tra 25 e 34 anni aveva un livello di istruzione terziaria nel 2022: 7 delle 8 regioni della Romania (ad eccezione della regione della capitale Bucureşti-Ilfov), 3 regioni in Ungheria, 2 regioni in Bulgaria, un’unica regione in Repubblica ceca, 3 regioni nel sud dell’Italia e la regione ultraperiferica della Guyane (Francia). Alcune di queste regioni sono state caratterizzate come regioni rurali/isolate con un basso livello di opportunità di lavoro altamente qualificato. Altri erano caratterizzati da una specializzazione relativamente elevata nei programmi di istruzione professionale, con gli studenti che entravano nel mercato del lavoro attraverso apprendistati e programmi di formazione piuttosto che qualifiche accademiche. 

LEGGI ANCHE:  Debutta la nuova tassa per le multinazionali in Ue.

I livelli regionali più bassi di istruzione terziaria sono stati registrati nelle regioni rumene di Sud-Muntenia (16,0%) e Sud-Est (17,0%), nella regione ceca di Severozápad (18,0%) e nella regione ungherese di Észak-Magyarország (18,2 %).