Diritto allo studio, Deriu: “Allarmante il silenzio della Giunta”.

“Aiutare gli studenti universitari sardi, adesso!”. E’ questa la richiesta di Roberto Deriu, consigliere regionale del Partito Democratico, sulla condizione in cui versa la comunità studentesca universitaria: “Una situazione di profonda criticità che abbiamo messo all’attenzione della Regione per tempo ma, a distanza di mesi dalle nostre proposte, è a dir poco allarmante il silenzio della Giunta e dell’Assessore Biancareddu”.

“Fin dal principio dell’emergenza – ha precisato l’esponente del PD – abbiamo chiesto che venissero attuate misure urgenti per assicurare a studenti e insegnanti, gli strumenti essenziali per la didattica digitale e per affrontare con l’adeguato equipaggiamento la fase d’emergenza e la successiva ripartenza, come sostenuto nelle lettere rivolte all’Assessore Biancareddu il 20 marzo e il 7 maggio”.

LEGGI ANCHE:  Regione Lazio: 2,5 milioni contro il disagio psichico dei giovani.

“Abbiamo chiesto – attraverso diverse mozioni e interpellanze presentate in Consiglio – la rimodulazione dei criteri per l’accesso ai bandi ERSU per l’anno accademico 2020/2021 (mozione n. 213) il rimborso dei pasti mensa (mozione n. 190) degli alloggi delle Case dello studente e degli affitti dei fuori sede relativi ai mesi in cui gli studenti non beneficiano del servizio (interpellanza n. 98/C). Senza tralasciare l’ampliamento dell’indennità Covid-19 per coloro che svolgono tirocini extracurriculari (interpellanza n. 99/A) e la conversione del materiale didattico cartaceo in formato digitale”.

Tutte iniziative rimaste inevase per il consigliere Deriu, ribadite anche lo scorso 9 giugno nell’ordine del giorno del Consiglio.

LEGGI ANCHE:  Continuità territoriale marittima. Esclusa la tratta Livorno-Cagliari.

“Il tacere della Giunta e dell’Assessore Biancareddu si è ormai fatto tristemente assordante. Per salvaguardare gli studenti è necessario intervenire subito con i fatti. Non permetteremo che ad essere sacrificato sia il futuro dei nostri giovani”, conclude Deriu.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.