Borse di studio, il Cda dell’Ersu Cagliari ordina il pagamento della prima rata agli idonei.

Il Consiglio di Amministrazione dell’Ersu di Cagliari ha votato l’ordine del giorno sul pagamento delle borse di studio per tutti gli universitari idonei nelle graduatorie 2023/2024. L’Odg, primo firmatario Francesco Stochino, rappresentante degli studenti nel CdA Ersu, è stato approvato nonostante il parere contrario di legittimità e compatibilità tecnica alla delibera del direttore generale.

“Ho ritenuto doveroso presentare l’ordine del giorno perché la tutela dei diritti degli studenti universitari deve essere sempre una priorità di questo Ente – il commento di Francesco Stochino –. Sono contento che la delibera sia passata nonostante la non unanimità del CdA e il parere contrario di legittimità e compatibilità tecnica alla delibera del direttore generale. Questo è un segno che la politica può governare la burocrazia. Adesso – precisa Stochino – saremo controllori dell’esecuzione di quanto il CdA ha stabilito”.

LEGGI ANCHE:  Sassari, Desirè Manca: "26 milioni a rischio per la Casa dello studente".

Alessandro Mocci, coordinatore dell’associazione studentesca Reset, ha aggiunto: “Il CdA dell’Ersu ha approvato solo ora la delibera per la copertura totale degli idonei nelle graduatorie, Bisogna procedere con immediatezza allo scorrimento delle graduatorie, rendendo tutti gli idonei beneficiari, e al pagamento della prima rata di tutte le borse entro il 31 dicembre, come stabilito dalle leggi e ordinato oggi dal Cda. È scandaloso – prosegue il coordinatore di Reset – che un’amministrazione si metta contro una volontà politica. Non è accettabile che una giunta regionale che si adopera per risolvere problemi come quelli inerenti allo stadio (50 milioni!) non muova un dito per risolvere il problema di migliaia di studenti non beneficiari nelle graduatorie, nonostante la certezza delle risorse disponibili per pagare tutti gli aventi diritto”.

LEGGI ANCHE:  Borse di studio universitarie: firmato il decreto per gli aumenti degli importi. Maria Cristina Messa: "Ai giovani deve arrivare forte il messaggio che il Paese crede in loro".