Dimensionamento scolastico: la Sardegna potrebbe perdere 40 istituti.

Contro la possibile riduzione delle Autonomie Scolastiche che comporterebbe per la Sardegna un taglio di oltre 40 istituti, oggi è sceso in campo l’assessore regionale Andrea Biancareddu, autore di una missiva inviata al ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara. “Sono molto preoccupato. Come Regioni abbiamo appena ricevuto lo schema di decreto che sarà oggetto di confronto in sede di Conferenza Unificata. Lo schema che ci è stato inoltrato, rende infatti esplicito l’obiettivo previsto dalla legge di procedere ad una riduzione delle Autonomie scolastiche”

Calo motivato per via dell’evidente flessione demografica negativa a livello nazionale. Un decremento non in linea con il “rispetto dei principi costituzionali di eguaglianza e di diritto allo studio che non possono essere perseguiti attraverso una riduzione drastica delle Autonomie”, secondo Biancareddu. “La nostra Regione, come noto, è caratterizzata da una bassissima densità abitativa, da una conformazione morfologica e orografica tale da rendere difficile l’accessibilità di gran parte del territorio regionale nonché da una inadeguatezza delle infrastrutture stradali e ferroviarie che rende molto difficile la mobilità interna”.

LEGGI ANCHE:  Didattica: 2,4 milioni per le attività a distanza.

“Relativamente alla programmazione 2024/2025 – ha concluso Biancareddu – dico sin da subito che mi sarà impossibile adottare un provvedimento di definizione della rete scolastica conforme alle prescrizioni statali”. 

foto Sardegnagol riproduzione riservata