Minoranze linguistiche: 900mila euro per l’insegnamento nelle scuole.

La Seconda Commissione del Consiglio regionale ha dato il via libera alla programmazione dell’insegnamento nelle scuole delle lingue delle minoranze storiche (sardo e catalano), proposta dall’assessorato della Pubblica Istruzione.

Grazie al provvedimento la Regione metterà a disposizione 900mila euro che finanzieranno due linee di interventi: 500mila euro andranno alle scuole di ogni ordine e grado per l’insegnamento del sardo e del catalano di Alghero in orario curriculare, 400mila euro, invece verranno utilizzati per la realizzazione di laboratori didattici in orario extracurriculare.

“Con questo programma – spiega l’assessore Andrea Biancareddu – diamo attuazione agli art. 17 e 19 della legge n.22 del 2018 che disciplina la politica linguistica regionale. Dopo le difficoltà dovute alla pandemia l’insegnamento del sardo e del catalano potrà finalmente entrare a regime”.

LEGGI ANCHE:  Raggiunti 100 miliardi di liquidità garantita dallo Stato.

Per i progetti si ricorrerà ai docenti dell’Elenco regionale previsto dall’art.20 della legge 22, che al momento include 195 insegnanti.

I progetti saranno selezionati sulla base di alcuni criteri: il numero delle adesioni degli alunni, le ore di insegnamento riservate all’utilizzo veicolare delle lingue delle minoranze storiche, la continuità con precedenti esperienze, la qualità della proposta didattica, l’utilizzo di docenti interni agli istituti scolastici.

Per quanto riguarda i laboratori didattici, si terrà conto della esperienza maturata, della integrazione con i progetti di sardo curriculare e della partecipazione ad altre iniziative regionali o comunitarie.

“Le due linee di finanziamento saranno estremamente flessibili – ha concluso Biancareddu – le risorse potranno essere spostate da un settore all’altro in base al numero dei progetti presentati”.

LEGGI ANCHE:  Commissione Attività Produttive: si discute sui ritardi delle agenzie regionali.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata