Dialogo dell’UE con i Giovani: domani il webinar sul X ciclo.

Nonostante nell’Isola della Sardegna (anche con governi di diverso colore) si continuano a prendere decisioni importanti senza alcun azione di coinvolgimento dei giovani e delle organizzazioni giovanili qualificate, i/le giovani sardi/e che ancora credono di poter dare il proprio contributo potranno partecipare al Dialogo dell’UE con i Giovani, ovvero il meccanismo di consultazione tra i giovani, le associazioni giovanili e i decisori politici, promosso dalla Strategia dell’UE per la Gioventù al fine di garantire che le opinioni e le esigenze delle nuove generazioni siano presi in considerazione nella definizione delle politiche pubbliche.

Una iniziativa che si articola in cicli di lavoro di 18 mesi, coordinati ciascuno dal trio di Presidenza del Consiglio dell’UE che insieme al Forum Europeo dei Giovani individuano priorità tematiche collegate ad uno o più Obiettivi per la Gioventù.

LEGGI ANCHE:  Ucraina: 248 milioni di euro per l'accoglienza dei profughi.

In ogni Paese membro esiste un Gruppo di Lavoro Nazionale che si occupa di gestire il processo di Dialogo dell’UE con i Giovani, raccoglie dati e informazioni, coinvolgendo i giovani europei in un processo di consultazione che avviene attraverso la somministrazione di questionari, la realizzazione di workshop, focus group, interviste, al fine di far arrivare la voce dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze ai più alti piani decisionali dell’Unione europea.

In Italia, il Gruppo di Lavoro Nazionale è composto dal Dipartimento per le Politiche Giovanili e il Servizio Civile Universale della Presidenza del Consiglio dei Ministri, dall’Agenzia Italiana per la Gioventù e dal Consiglio Nazionale dei Giovani, che coordina il tavolo di lavoro.

LEGGI ANCHE:  Il Servizio Civile Universale perde pezzi: -77 enti nell'ultimo anno. Obiettivo Dl 40 sempre più lontano.

Lo scorso 30 giugno, si è concluso il IX Ciclo del Dialogo dell’UE con i Giovani, svolto sotto il trio di Presidenza francese, ceca e svedese, iniziato il 1º gennaio 2022. La priorità tematica che ha caratterizzato questo Ciclo è stata: “Un’Europa sostenibile e verde”, in diretto collegamento con gli obiettivi della Strategia europea per la gioventù n. 3 “Società inclusive” e n. 10 “Europa verde sostenibile”.

Il webinar, in programma domani, verrà aperto dai saluti e dagli interventi introduttivi dei componenti del Gruppo di Lavoro Nazionale e, successivamente, ci sarà una fase di presentazione dei dati emersi dalle consultazioni in Italia e in Europa. Tale presentazione sarà utile per l’avvio di un’attività di lavoro digitale attraverso la quale i partecipanti potranno confrontarsi in merito allo Youth Goal #3 e ideare iniziative territoriali finalizzate all’implementazione dello stesso. In conclusione, ci sarà un momento di sintesi e restituzione dei risultati emersi con un commento da parte dei rappresentanti del Gruppo di Lavoro Nazionale.

LEGGI ANCHE:  Università Link: "Per giovani aumentato disagio causato dalla DAD".

foto Sardegnagol, riproduzione riservata