Il 43% dei giovani dell’UE tra i 25 e i 34 anni ha un’istruzione terziaria.

Nel 2023, il 43% della popolazione dell’UE di età compresa tra 25 e 34 anni aveva un’istruzione terziaria. Dati in aumento di 1 punto percentuale (pp) rispetto al 2022 (42%).

Esiste un divario di genere per quanto riguarda il conseguimento dell’istruzione terziaria tra le persone di età compresa tra i 25 e i 34 anni, poiché, ricordano dall’Eurostat, una percentuale più elevata di donne ha un’istruzione terziaria rispetto agli uomini (49% delle donne e 38% degli uomini).

I dati, inoltre, indicano che 13 Paesi dell’UE hanno già raggiunto l’obiettivo a livello UE per il 2030: Irlanda (63% della popolazione totale di età compresa tra 25 e 34 anni), Cipro (62%), Lussemburgo (60%), Lituania (57%), Paesi Bassi (55 %), Svezia (54%), Spagna e Francia (entrambi 52%), Belgio (50%), Danimarca (49%), Malta e Polonia (entrambi 46%) e Lettonia (45%).

LEGGI ANCHE:  Tratta di esseri umani: accordo sulle nuove regole Ue.

Al contrario, le quote più basse sono state registrate in Romania (23%), Ungheria (29%) e – chi lo avrebbe mai detto? – in Italia (31%).

In tutti i Paesi dell’UE, le percentuali di conseguimento dell’istruzione terziaria erano più elevate per le donne rispetto agli uomini, variando da una differenza di 5 punti percentuali in Germania a una differenza di 24 punti percentuali in Estonia, Lettonia e Slovenia.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata