Crisi ucraina, Ursula von der Leyen: “Momento di verità per l’Europa”.

“La guerra è tornata in Europa. Quasi trent’anni dopo le guerre balcaniche, e oltre mezzo secolo dopo che le truppe sovietiche avevano marciato su Praga e Budapest, le sirene della protezione civile risuonarono di nuovo nel cuore di una capitale europea. Migliaia di persone in fuga dalle bombe, accampate nelle stazioni della metropolitana, tenendosi per mano, piangendo in silenzio, cercando di tirarsi su di morale. Le auto si sono allineate verso i confini occidentali dell’Ucraina e, quando molti di loro hanno finito il carburante, le persone hanno raccolto i loro bambini e gli zaini e hanno marciato per decine di chilometri verso la nostra Unione. Hanno cercato rifugio all’interno dei nostri confini, perché il loro Paese non era più al sicuro. Perché all’interno dell’Ucraina è iniziato il raccapricciante conteggio delle vittime. Uomini, donne e bambini stanno morendo, ancora una volta, perché un leader straniero, il presidente Putin, ha deciso che il loro Paese, l’Ucraina, non ha diritto di esistere”.

“Questo è un momento di verità per l’Europa – ha proseguito von der Leyen -. Vorrei citare l’editoriale di un quotidiano ucraino, il Kyiv Independent, pubblicato poche ore prima dell’inizio dell’invasione: “Non si tratta solo dell’Ucraina. È uno scontro di due mondi, due insiemi polari di valori.’ Hanno ragione. Questo è uno scontro tra lo stato di diritto e lo stato dell’arma; tra democrazie e autocrazie; tra un ordine basato su regole e un mondo di nuda aggressione. Il modo in cui risponderemo oggi a ciò che la Russia sta facendo determinerà il futuro del sistema internazionale. È in gioco il destino dell’Ucraina, ma in gioco c’è anche il nostro destino. Dobbiamo mostrare il potere che risiede nelle nostre democrazie, il potere delle persone che scelgono le loro strade indipendenti, liberamente e democraticamente”.

LEGGI ANCHE:  Aiuti di Stato, luce verde per i 100 milioni destinati agli operatori dei servizi di ristorazione in Italia.

“L’Unione sta mostrando un’unità di intenti che mi rende orgogliosa – ricorda la Presidente -. L’Unione Europea ha adottato tre ondate di pesanti sanzioni contro il sistema finanziario russo, le sue industrie high-tech e la sua élite corrotta. Questo è il più grande pacchetto di sanzioni nella storia della nostra Unione. Queste sanzioni avranno un pesante tributo sull’economia russa e sul Cremlino. Stiamo scollegando le principali banche russe dalla rete SWIFT. Abbiamo anche vietato le transazioni della banca centrale russa, l’istituto finanziario più importante in Russia, bloccando miliardi di riserve estere e chiudendo il rubinetto alla guerra di Putin”.

“Ad oggi, più di 30 paesi, che rappresentano oltre la metà dell’economia mondiale, hanno anche annunciato sanzioni e controlli sulle esportazioni sulla Russia. Se Putin stava cercando di dividere l’UE, di indebolire la NATO e di spezzare la comunità internazionale, ha ottenuto l’esatto contrario. So bene che queste sanzioni avranno un costo anche per la nostra economia. Lo so e voglio parlare onestamente ai cittadini europei. Abbiamo sopportato due anni di pandemia. E tutti noi desideravamo poterci concentrare sulla nostra ripresa economica. Ma credo che i cittadini europei capiscano molto bene che dobbiamo opporci a questa crudele aggressione”.

LEGGI ANCHE:  Ucraina: luce verde dal Consiglio dell'UE al fondo da 1,2 miliardi di euro.

“I nostri investimenti oggi ci renderanno più indipendenti domani. Penso innanzitutto alla nostra sicurezza energetica. Semplicemente non possiamo fare così tanto affidamento su un fornitore che ci minaccia esplicitamente. Questo è il motivo per cui abbiamo contattato altri fornitori globali. E hanno risposto. La Norvegia si fa avanti. A gennaio abbiamo avuto una fornitura record di gas GNL. Stiamo costruendo nuovi terminali GNL e stiamo lavorando su interconnettori. Ma a lungo termine, è il nostro passaggio alle energie rinnovabili e all’idrogeno che ci renderà veramente indipendenti. Dobbiamo accelerare la transizione verde. Perché ogni kilowattora di elettricità che l’Europa genera da energia solare, eolica, idroelettrica e biomassa riduce la nostra dipendenza dal gas russo e da altre importazioni di energia. Questo è un investimento strategico. E in più, meno dipendenza significa anche meno soldi per il forziere di guerra del Cremlino”.

LEGGI ANCHE:  Ucraina, Franceschini: "Pieno sostegno alla dichiarazione di Angers dei Ministri della Cultura europei".

“Quando siamo risoluti, l’Europa può essere all’altezza della sfida. Lo stesso vale per la difesa. La sicurezza e la difesa europea si sono evolute di più negli ultimi sei giorni che negli ultimi due decenni. La maggior parte degli Stati membri ha promesso consegne di equipaggiamento militare in Ucraina. La Germania ha annunciato che raggiungerà l’obiettivo del 2% della NATO il prima possibile. E la nostra Unione, per la prima volta in assoluto, utilizza il bilancio europeo per acquistare e consegnare armi a un paese che è sotto attacco. 500 milioni di EUR dal Fondo europeo per la pace, a sostegno della difesa dell’Ucraina. Come primo lotto, abbineremo a questo almeno 500 milioni di euro dal bilancio dell’UE per far fronte alle conseguenze umanitarie di questa tragica guerra, sia nel paese che per i rifugiati”.

foto Fred MARVAUXCopyright© European Union 2021 – Source : EP