Che Cagliari al Vigorito!

Nonostante le preoccupazioni della vigilia il Cagliari continua la propria striscia positiva, oggi ai danni delle “streghe” di Fabio Caserta. Gara decisa dai gol dell’ex Gianluca Lapadula e dell’angolano Luvumbo.

E’ il Benevento a creare le prime occasioni: al 4′ minuto Acampora prova la conclusione dalla distanza. Sicura la risposta di Radunovic. Pochi minuti dopo è sempre il centrocampista del Benevento a tentare la via del gol ma Radunovic neutralizza senza troppi patemi. Sembra l’inizio di una gara densa di contenuti ma il corso della del primo tempo non lascia grandi spunti per la cronaca.

Bisogna attendere la ripresa per il vantaggio del Cagliari. Al 54′ l’ex Lapadula timbra la prima rete in campionato: imbucata di Mancosu, deviazione per Lapadula che insacca la porta di Paleari.

LEGGI ANCHE:  Mancosu e Makoumbou ribaltano un primo tempo da brivido.

La gara si complica all’ora di gioco, con l’espulsione per doppia ammonizione di Obert. Liverani risistema la squadra e chiama in campo Carboni, Deiola e Pavoletti al posto di Viola, Rog e Lapadula. Poco dopo entrerà anche Luvumbo per Nandez. Sarà un finale di sofferenza, con i rossoblù compatti e il Benevento in forcing, premendo con i cross per Forte e Simi e un Radunovic sempre attento.

Nel finale il Cagliari archivia la pratica Benevento: all’85’ Zito Luvumbo scappa sul filo del fuorigioco, Deiola imbuca, sinistro potente e preciso nell’angolino per il raddoppio, con sofferenza per l’attesa del verdetto del VAR. Il Cagliari ora è dietro la capolista Reggina.

“Abbiamo fatto una partita importante, contro una squadra di livello – ha dichiarato nel post partita il tecnico Fabio Liverani -. Il Benevento ha avuto le sue occasioni, noi pure, dopo il vantaggio stavamo cercando di comandare la partita e l’espulsione ha rimesso in discussione tutto. Purtroppo per una disattenzione, quella che ci ha lasciati in dieci uomini come avvenne a Ferrara, rischiavamo di complicarci la vita. Con i giovani può capitare, Obert ha fatto un’ottima gara sino a quel momento, la squadra ha concesso il giusto e interpretato bene la sfida, però bisogna crescere nel gestire certe situazioni per evitare di buttare all’aria quanto costruiamo e meritiamo”.

Fabio Liverani, foto Cagliari Calcio/Valerio Spano

“Siamo stati molto ordinati in fase difensiva, all’inizio abbiamo sbagliato qualche uscita, però nel complesso centrocampo e difesa hanno sempre lavorato bene per dare poi sfogo alle iniziative tecniche e in velocità dei nostri uomini offensivi”, ha concluso Liverani.

LEGGI ANCHE:  Cagliari. Si lavora sulla tecnica e tattica.

Benevento-Cagliari 0-2

Benevento (3-5-2): Paleari; Capellini Glik, Veseli; Improta (74′ Letizia), Karic, Acampora (67′ Ciano), Koutsoupias (67′ Schiattarella), Masciangelo (61′ Foulon); Forte, La Gumina (59′ Simy). A disposizione: Manfredini, Kaouakibi, Leverbe, Kubica, Vokic, Thiam. All.: Caserta.

Cagliari (4-3-3): Radunovic; Zappa, Goldaniga, Altare, Obert; Viola (63′ Carboni), Makoumbou, Rog (63′ Deiola), Nandez (74′ Luvumbo), Lapadula (63′ Pavoletti), Mancosu (86′ Dossena). A disposizione: Aresti, Ciocci, Capradossi, Di Pardo, Falco, Millico, Pereiro. All.: Liverani.

Arbitro: Gianluca Aureliano di Bologna

Marcatori: 54′ Lapadula, 85′ Luvumbo.

Ammoniti: Karic, Masciangelo, Obert, Foulon, Zappa.

Espulsi: Obert.