Centro Sclerosi multipla, Eugenio Lai: “Giunta poco sensibile ai problemi dei sardi”.

Si è tenuta stamattina la seduta del Consiglio regionale dedicata al question time, che, tra gli interventi, ha registrato la discussione in Aula dell’interrogazione 1121/A “sul ridimensionamento del livello assistenziale e terapeutico per i soggetti affetti da sclerosi multipla in cura presso il Centro di Cagliari”, primo firmatario Eugenio Lai del gruppo “Liberi e Uguali Sardigna”.

“Sono trascorsi circa tre anni dalle scorse elezioni regionali – ricorda l’esponente della minoranza – e l’Assessore alla Sanità continua ad addossare la responsabilità dei gravi disagi patiti dai circa 5000 sardi affetti da Sclerosi Multipla in cura presso il Centro di Cagliari alla scarsa efficacia dell’azione amministrativa della maggioranza che ha governato nella precedente legislatura”.

LEGGI ANCHE:  Industria in Sardegna: 10,6 milioni per le infrastrutture nelle aree di crisi.

“Il caos e la disorganizzazione in cui è scaduto il numero di prestazioni ed abbassato i livelli essenziali di assistenza per le persone affette da Sclerosi Multipla, denotano la scarsa sensibilità dei vertici Sanitari regionali verso il problema”.

Un Centro, secondo i firmatari, che si reggerebbe al momento su quattro medici specializzati in sclerosi multipla, con un rapporto di uno per più di mille pazienti. Un rapporto in controtendenza rispetto a quanto prescritto dalle linee guida nazionali, per le quali dovrebbe esserci un neurologo ogni 250 pazienti.

Numeri alla base dell’affondo finale del consigliere di Leu: “Dopo circa tre anni di governo, le soluzioni adottate dalla Giunta regionale appaiono confuse e inadeguate facendo emergere la totale assenza di programmazione, efficacia e volontà di risolvere i problemi delle persone affette da Sclerosi Multipla”.

LEGGI ANCHE:  Banchi a rotelle, Laura Scalfi: "Milioni sperperati".

foto Sardegnagol, riproduzione riservata