Cdm: impugnatura parziale per la legge regionale n. 9.

Dopo la decisione di procedere all’impugnazione della Legge regionale n.9 del 23 ottobre 2023, presa lo scorso 19 dicembre, il Consiglio dei ministri oggi ha deliberato di rinunciare in modo parziale all’impugnativa del provvedimento recante “Disposizioni di carattere istituzionale, ordinamentale e finanziario su varie materie” in quanto, si legge nella nota del Cdm, “la Regione ha apportato alcune modifiche alle disposizioni oggetto di impugnativa che consentono di ritenere parzialmente superate le censure di illegittimità rilevate”.

Disposizioni, come indicato lo scorso mese di dicembre, andate oltre le competenze statutarie e non in linea con la normativa statale in materia di ambiente e paesaggio, di ordinamento civile, di ordine pubblico e sicurezza, di produzione, trasporto e distribuzione dell’energia, di tutela della salute, di coordinamento della finanza pubblica, di governo del territorio ed assetto territoriale, violano gli articoli 9 e 117, primo e secondo comma, lett. h), l) ed s), 117, terzo comma e 133, secondo comma, della Costituzione.

LEGGI ANCHE:  Giovani in sovrappeso: ecco il progetto "ColtiviAmo BenEssere" di Modavi.

Tra i punti impugnati per lesione delle competenze statali in materia di salvaguardia dell’ambiente, infatti, era stato criticato l’art. 13, che prevedeva la possibilità di fatto di un esproprio gratuito delle terre a uso civico in favore dei progetti di impianti produttivi di energia da fonti rinnovabili. Tradotto, un lasciapassare per la speculazione energetica e l’assalto al territorio sardo.

Ancora, giusto per citarne altri, gli articoli 130 e 132, che prevedevano la possibilità di ricostruzione dei ruderi anche nelle fasce costiere di massima tutela dei 300 metri dalla battigia “anche senza il mantenimento di sagoma, prospetti, sedime e caratteristiche planivolumetriche e tipologiche dell’edificio preesistente” e la possibilità di inserire negli strumenti urbanistici comunali aumenti volumetrici del 25% delle volumetrie nelle aree costiere per nuovi esercizi ricettivi di elevata categoria (5 stelle e più) e del 15% per ogni esercizio ricettivo esistente, anche nella fascia costiera di massima salvaguardia dei 300 metri dalla battigia marina.

LEGGI ANCHE:  Fitto casa: online il nuovo bando da 1,8 milioni di euro per gli studenti sardi.

Aumenti volumetrici e costruzioni in palese eversione delle norme di conservazione costiera, del vigente piano paesaggistico regionale e di quella necessità di pianificazione congiunta Stato – Regione già oggetto di sistematiche pronunce da parte della Corte costituzionale, che hanno censurato pesantemente precedenti analoghi tentativi da parte delle maggioranze politiche mattonare sarde”, ricordano dal Gruppo di Intervento Giuridico.

Impugnate, nel mese di dicembre, anche le norme volute dall’ex assessore alla Sanità, Carlo Doria: l’aumento di 100 euro della tariffa oraria dei medici (art. 35) e l’incremento dei tetti di spesa per le prestazioni sanitarie erogate dalle strutture private accreditate (art. 56).