Paesi in via di sviluppo: 850mila euro per i progetti di cooperazione.

Per il sostegno alle iniziative di cooperazione allo sviluppo promosse da Enti Locali, organizzazioni della società civile e università dell’Isola, la Giunta regionale ha stanziato per il 2024 la somma di 850 mila euro di cui, 400 mila per l’erogazione di contributi a favore degli Enti locali e delle Università e  450 mila euro per l’erogazione di contributi a favore delle Organizzazioni non governative e delle associazioni di volontariato.

Le iniziative finanziabili dovranno essere coerenti con i settori ei Paesi prioritari definiti dal “Documento triennale 2021-2023 di programmazione e indirizzo per la cooperazione internazionale allo sviluppo” del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) e concorrere a favorire uno sviluppo socio economico sostenibile di lungo periodo nei territori di intervento.

LEGGI ANCHE:  Servitù militari. Intesa Stato-Regione verso il riequilibrio.

Saranno prioritari gli interventi di cooperazione con i Paesi dell’Africa Mediterranea (Egitto, Tunisia), Africa Orientale (Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan; 3. Africa Occidentale: Burkina Faso, Niger, Senegal),  Africa Australe (Mozambico; 5. Medio Oriente: Giordania, Iraq, Libano, Territori Palestinesi), Balcani (Albania), Europa Orientale (Ucraina), America Latina e Caraibi (Cuba, El Salvador) e Asia (Afghanistan).

Le istanze di finanziamento potranno essere presentate da soggetti capofila con sede legale e operativa in Sardegna, riconosciute dal Ministero degli Affari Esteri e Organizzazioni di volontariato iscritte al Registro unico nazionale (Runts). Il finanziamento regionale non potrà essere superiore al 70% del costo totale dell’iniziativa e non potrà essere maggiore di euro 60.000.