Candidature Erasmus+: scadenze prorogate per l’ennesimo “problema tecnico”.

A causa delle difficoltà tecniche della piattaforma di presentazione delle candidature per il programma Erasmus+, la scadenza per la presentazione dei progetti nelle Azioni “Partenariati di cooperazione”, ovvero le azioni KA220 (partenariati su scala ridotta) e KA210, precedentemente prevista per il 22 marzo ore 12:00 è stata prorogata dalla Commissione europea al 24 marzo ore 12 (ora di Bruxelles).

Proroga che rappresenta una “non novità” capace di presentarsi ormai ad ogni scadenza, complice una piattaforma tecnica decisamente pessima che, tra errori di sistema e scarso tempismo nella risposta dell’Helpdesk, di fatto rende meno accessibile per i tanti giovani e organizzazioni giovanili in Europa, l’invio delle proprie iniziative progettuali.

LEGGI ANCHE:  Parlamento europeo. I temi del 2020 ancora in sospeso.

Migliaia di proposte create per sostenere i giovani a livello locale o per avviare nuovi partenariati internazionali per le politiche giovanili e la formazione. Un moto di entusiasmo e volontà di cambiamento osteggiato, indubbiamente, dai ricorrenti problemi informatici della piattaforma per l’invio dei progetti Erasmus+. Mala gestione sulla quale nessuno dalle parti della Commissione sembra voler intervenire, come confermato dalla pessima funzionalità della piattaforma.

Disguidi, come indicato sopra, diventati ormai un must delle call del Programma Erasmus+, come ricordato dal rappresentante legale di una organizzazione giovanile: “Partecipo da anni al programma Erasmus+ e anche quest’anno stiamo riscontrando i soliti problemi nella piattaforma web per l’invio dei progetti. Mi chiedo per quale motivo si parli di Europa più digitale e innovativa se bisogna sempre scontrarsi con l’inefficienza del sistema, col rischio – prosegue il rappresentante legale – di perdere mesi di lavoro e di meeting con i partner europei, nonché di disattendere le speranze per tanti giovani coinvolti nei progetti”.

LEGGI ANCHE:  Disinformation on women’s rights around the world.

foto INDIRE