Campidano: 14 milioni dalla programmazione territoriale.

La Giunta Solinas avvia il progetto di sviluppo territoriale ‘Percorsi di accoglienza e sostenibilità nel territorio della terra cruda’. Una iniziativa che interesserà il territorio dell’Unione di Comuni ‘Terre del Campidano’, per un valore di circa 14,5 milioni di euro.

Il Progetto, ricordano dalla Giunta regionale “punta a migliorare l’attrattività e la competitività del territorio attraverso lo sviluppo di un sistema di servizi integrato basato sulla valorizzazione delle risorse culturali e ambientali, favorendo la rivitalizzazione del tessuto economico e il potenziamento dei servizi nell’ottica di migliorare la qualità della vita, il benessere delle persone e generare lavoro tramite la conoscenza, per contrastare il progressivo spopolamento dell’area”.

LEGGI ANCHE:  Programmazione territoriale: “Viaggio nella terra dei Giganti”.

L’idea alla base del progetto è quella di sfruttare il ricco patrimonio esistente in terra cruda quale esempio di costruzioni nell’ambito della bioedilizia per diffondere il sapere e le tecniche tradizionali. Contemporaneamente il progetto punta alla formazione di nuove professionalità specializzate nel campo delle energie rinnovabili e della sostenibilità con l’implementazione dei servizi connessi, sfruttandole per creare soluzioni innovative e tecnologiche per la cittadinanza. Sono inclusi, inoltre, interventi volti alla mobilità sostenibile e all’inclusione sociale delle fasce deboli della popolazione. In estrema sintesi, i principali interventi previsti riguardano la riqualificazione delle strutture tradizionali in terra cruda che caratterizzano l’intero territorio dell’Unione, cui sono destinati circa 4,720 milioni; la valorizzazione dei beni culturali e il patrimonio termale esistente attraverso la realizzazione di percorsi sportivi e del benessere (1,225 milioni); la messa a sistema delle varie iniziative sociali presenti nel territorio (4,327 milioni) tra le quali il recupero degli edifici da adibire a Polo sociale ed educativo (compresa l’integrazione dei migranti) e il Centro antiviolenza (unico riferimento per tutto il Medio Campidano). 

LEGGI ANCHE:  Recovery Fund, Cesare Moriconi: "Dalla Giunta lacrime di coccodrillo, la Sardegna deve conoscere la verità".

foto Sardegnagol riproduzione riservata