Campagna vaccinale, 450mila dosi somministrate nel mese di Gennaio.

Prosegue la campagna vaccinale nell’Isola. Nel primo mese del 2022, ha ricordato oggi l’Assessorato regionale alla Sanità, sono state somministrate 451.537 dosi vaccinali anti-Covid-19. Trainano le dosi booster (359.889), ma si rileva anche un importante numero di nuovi vaccinati con prime dosi (49.359 di cui 22.879 pediatriche). Il record mensile di somministrazioni, 19.611, è stato registrato l’11 gennaio. Nell’ultima settimana, dal 24 al 30 gennaio, la media delle somministrazioni si è attestata attorno alle 17 mila giornaliere, con picchi raggiunti il 25 (18.010 somministrazioni) e il 27 (17.948).

Per quanto riguarda le scorte, nel mese di gennaio sono state consegnate in Sardegna circa 280 mila dosi di vaccino, di cui 42 mila pediatriche. Entro la metà di febbraio, salvo variazioni, è stata confermata la consegna di ulteriori 131 mila dosi di cui 18 mila pediatriche.

LEGGI ANCHE:  Inps, assunzioni primo trimestre 2021: -18%.

Complessivamente in Sardegna, dall’inizio della campagna, sono state somministrate circa 3.480.000 dosi, di queste le dosi aggiuntive “booster” hanno superato le 860 mila somministrazioni e le pediatriche oltre 42 mila con più di un terzo della platea nella fascia 5–11 anni vaccinato che ha ricevuto almeno una dose. Con l’81,7% dei residenti che hanno completato il ciclo primario di vaccinazione, a cui si aggiunge un ulteriore 3,6% che ha ricevuto almeno una dose, la Sardegna è fra le prime sei regioni per popolazione vaccinata, al pari dell’Umbria e subito dietro il Lazio.

“Bene l’andamento della campagna di vaccinazione sul nostro territorio”, ha ricordato l’assessore regionale della Sanità, Mario Nieddu: “Il virus -prosegue – continua a essere pericoloso a causa della diffusione e maggiore infettività delle varianti, lo vediamo nei numeri e nella pressione sui nostri ospedali. L’importanza della campagna vaccinale si evidenzia soprattutto da questi dati”.

LEGGI ANCHE:  False vaccinazioni anti-Covid. Arrestati due operatori sanitari.